Una montagna che sputa fuoco!

Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 

In Turchia all’interno del Parco nazionale dell'Olympos Beydaglari di Antalya si erge una montagna, chiamata non a caso Monte Olimpo, “sputafuoco": dalle fenditure delle sue rocce, infatti, escono fiamme alimentate da un’emissione di metano dalle profondità della Terra.

È in incessante attività da più di 2500 anni, non si è mai fermata in questo arco di tempo e non accenna a volerlo fare neppure ora! Ogni giorno emette le Chimaera seep ovvero fiamme Chimera, che in questi ultimi mesi sono state l'oggetto dell'indagine condotta dai ricercatori Giuseppe Etiope e Michael Whitacher che aveva lo scopo di scoprire la ancora ignota provenienza di queste fiamme.

I due studiosi hanno capito che sono prodotte da metano abiotico, prodotto spontaneamente dalle reazioni chimiche tra rocce e acqua direttamente nel sottosuolo. Questo non è, quindi il comune metano che si libera dalle reazioni organiche, ma ha un’origine diversa ancora sconosciuta,anche se sono state formulate diverse ipotesi: potrebbe derivare dal raffreddamento del magma oppure dai meteoriti primordiali, rimane ancora un grande mistero da svelare!

Il nome, Chimera, richiama sia il Monte Chimera che si trova nell'antica regione meridionale della Licia sia l’essere mitologico dell’Iliade formato da parti di animali come il drago, il serpente, la capra e il leone e che sputa fuoco e fiamme dalle sue terrificanti fauci!

Il parco che custodisce questo “piccolo” gioiello incandescente fu fondato nel 1972 su un territorio di 34.425 ettari. Si estende dal Saris, regione a sud ovest di Antalya, e raggiunge Capo Gelidoniya,attraversando la fascia costiera di Kemer-Kumlucha. Ospita più di 370 varietà di piante, 1000 specie di uccelli, 100 di rettili e 80 di mammiferi!

Non c'è da stupirsi,  la città che lo gestisce, Antalya, è considerata la Mecca del turismo. Sorge su una ripidissima scogliera e poco lontano,immerse in un altro meraviglioso parco botanico,si possono vedere le cascate del Düden, alte 15 m e larghe 20 m. Essendo ospitate da rocce ricche di tufo, sotto di loro si sono sviluppate numerosissime stalattiti e stalagmiti che le hanno trasformato in una delle mete preferite dagli speleologi. Si gettano direttamente nel Mar Mediterraneo,  proprio sopra le spiagge tanto amate dalle tartarughe caretta caretta per nidificare.

Insomma, una perla di fuoco circondata da mille altre pietre preziose di ogni origine!

 

 

Bibliografia:https://www.lastampa.it/2019/05/05/societa/in-turchia-c-una-montagna-che-sputa-fuoco-ininterrottamente-da-duemila-anni-BNrf6fUjwdy4oaHjxPOtRK/pagina.html, https://goodplaces.travel/it/pretty/antalya/nature/natsionalnyy-park-olimpos-beydaglari/33750, https://www.travel365.it/antalya-turchia-cosa-vedere.htm, https://www.centrometeoitaliano.it/scienza-e-tecnologia/fiamme-perenni-spettacolo-fuoco-turchia-16-04-201412705/?refresh_cens,

 

Questo articolo é stato letto: 21 volte

Leggi anche:

Choose your language!
Arabic Chinese_simplified English French German Japanese Portuguese Russian Turkish
Social

Facebook Wstoriadellarte

Twitter @wstoriadellarte

Instagram @wstoriadellarte_

Youtube wsavonainarte

http://www.wstoriadellarte.eu/new/images/youtube-banner-video.png
Lezioni digitali
http://www.wstoriadellarte.eu/new/images/immagini_plugin_flash/1 rin.jpghttp://www.wstoriadellarte.eu/new/images/immagini_plugin_flash/assss.jpghttp://www.wstoriadellarte.eu/new/images/immagini_plugin_flash/goo.jpghttp://www.wstoriadellarte.eu/new/images/immagini_plugin_flash/i soll.jpghttp://www.wstoriadellarte.eu/new/images/immagini_plugin_flash/immmm.jpghttp://www.wstoriadellarte.eu/new/images/immagini_plugin_flash/or.jpg
Utenti online
 306 visitatori online

Con il patrocinio

della Delegazione di Savona

Sito del FAI di Savona

Ora siamo anche su Youtube!

 

Iscriviti al canale dedicato ai beni culturali

del territorio savonese!


Storia dell'Arte.eu è segnalato da:
 Il Blog dell'Arte