Uno, anzi due, ancore di salvezza per le api

Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 

Un'ape al lavoro

L'intelligenza artificiale corre in aiuto delle api e scova il loro nemico numero uno,  il parassita noto come 'il distruttore': l’acaro “Varroa”, che le attacca negli alveari e le uccide.

Il sistema messo a punto dagli studenti del Politecnico Federale di Losanna (Epfl), guidati dall'ingegnere Jean-Philippe Thiran, individua i parassiti appena attaccano gli alveari, permettendo agli apicoltori di intervenire in tempo con i trattamenti utili a sconfiggerli.

Per individuare tempestivamente i primi segni delle infestazioni gli agricoltori cercano gli acari che cadono su una tavola di legno posta sotto l’arnia. Non si tratta però di una tecnica molto accurata, sia perché i parassiti misurano appena un millimetro e sono difficili da individuare, sia perché richiede molto tempo, soprattutto se un apicoltore ha molte arnie.

Per risolvere il problema gli studenti hanno ideato un'applicazione collegata a una piattaforma web, che utilizza l'intelligenza artificiale per individuare rapidamente gli acari presenti sulle tavole di legno. In pratica l'apicoltore fotografa la tavola di legno, carica l'immagine sulla piattaforma web e l'intelligenza artificiale la analizza, identificando i parassiti in pochi secondi.

Per permette al sistema di riconoscere rapidamente gli acari, gli studenti l'hanno addestrato su migliaia di immagini. Il primo passo è stato creare una banca dati di foto di acari Varroa, in modo che il sistema potesse riconoscere i parassiti senza commettere errori. Il passo successivo è stato addestrare il sistema sulle foto inviate dagli apicoltori.

E come se non bastasse l'intelligenza artificiale, l'Università Hohenheim di Stoccarda, ha scoperto che somministrando il cloruro di litio nell'alimentazione delle api sciolto nell'acqua zuccherata, l'acaro Varroa viene sterminato. Il cloruro di litio non solo è economico, ma è totalmente innocuo sia per gli uomini sia per le api e nel miele non ve ne è assolutamente traccia!

Le riserve globali di litio sono stimate ad oltre 40 milioni di tonnellate. In quanto sale di litio dell'acido cloridrico, è possibile trovarlo nelle acque salmastre, nei laghi salati e nelle sorgenti termali. Il sale, facilmente solubile in acqua, viene utilizzato come essiccante e disgelante e, dalla metà del XX secolo, anche in campo medico come antidepressivo.

Prima che possa essere diffuso, però, bisogna effettuare ulteriori analisi soprattutto per stabilire il dosaggio preciso.

Gli apicoltori liguri, già nel 2017, avevano iniziato a controllare questo minaccioso acaro che non solo le uccide, ma anche contagia gli insetti con cui viene a contatto che vi sopravvivono, procurando loro una malformazione nelle crescita delle ali. Il virus e l'acaro si sono alleati contro le indifese api: prima gli acari attaccano l'alveare nutrendosi delle larve delle api che si difendono producendo una specie di scudo di melanina e altre sostanze che bloccano l’attività dei parassiti.Quando le api sono infettate dai virus, i geni dell’immunità che sottostanno alla produzione delle sostanze protettive sono meno attivi, e in questo modo le difese delle api sono meno forti, di conseguenza, l’acaro può continuare a nutrirsi e agire a sua volta da vettore del virus che viene diffuso anche in altre api. È un meccanismo definito feedback positivo e porta all’aumento dell’infezione, con i virus che aiutano l’acaro il quale a sua volta aiuta il virus.

Per fortuna sono intervenute queste due recenti scoperte a tentare di salvare le api perché sono insetti responsabili di un sesto delle impollinazione sul nostro pianeta, e senza di loro le piante non crescerebbero più e noi umani moriremmo entro pochissimi anni.

Per cui ringraziamo gli scienziati che ogni giorno cercano nuovi mezzi per proteggere le api, colonna portante della nostra Terra, che noi tutti dovremmo imparare ad amare e difendere un po' di più!

Bibliografia: http://www.ansa.it/canale_scienza_tecnica/notizie/ragazzi/news/2019/02/02/cosi-lintelligenza-artificiale-aiuta-le-api-video_6ba883a9-3883-4eb5-8424-9c22379b37d9.html, https://novagricoltura.edagricole.it/ricerca/api-rimedio-sopstenibile/, http://www.savonanews.it/2017/09/04/leggi-notizia/argomenti/agricoltura-1/articolo/la-liguria-dichiara-guerra-allacaro-varroa-destructor.html, http://www.savonanews.it/2017/09/04/leggi-notizia/argomenti/agricoltura-1/articolo/la-liguria-dichiara-guerra-allacaro-varroa-destructor.html.

Foto di: Desanna

 

Questo articolo é stato letto: 43 volte

Leggi anche:

Choose your language!
Arabic Chinese_simplified English French German Japanese Portuguese Russian Turkish
Social

Facebook Wstoriadellarte

Twitter @wstoriadellarte

Instagram @wstoriadellarte_

Youtube wsavonainarte

http://www.wstoriadellarte.eu/new/images/youtube-banner-video.png
Lezioni digitali
http://www.wstoriadellarte.eu/new/images/immagini_plugin_flash/1 rin.jpghttp://www.wstoriadellarte.eu/new/images/immagini_plugin_flash/assss.jpghttp://www.wstoriadellarte.eu/new/images/immagini_plugin_flash/goo.jpghttp://www.wstoriadellarte.eu/new/images/immagini_plugin_flash/i soll.jpghttp://www.wstoriadellarte.eu/new/images/immagini_plugin_flash/immmm.jpghttp://www.wstoriadellarte.eu/new/images/immagini_plugin_flash/or.jpg
Utenti online
 215 visitatori online

Con il patrocinio

della Delegazione di Savona

Sito del FAI di Savona

Ora siamo anche su Youtube!

 

Iscriviti al canale dedicato ai beni culturali

del territorio savonese!


Storia dell'Arte.eu è segnalato da:
 Il Blog dell'Arte