Agli archeologi italiani l'esclusiva degli scavi in Iraq

Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 

Nassiriyah, archeologi italiani sulle tracce dei Sumeri

È targata Sapienza la missione archeologica italo-irachena che realizzerà gli scavi nell'area a sud-ovest della città di Nassiriyah (Iraq), la regione dove si è sviluppata la cultura sumerica nel corso del terzo millennio avanti Cristo.

L'Italia è l'unico Paese straniero a essere stato autorizzato, dall'epoca della Prima guerra del Golfo, a partecipare a una missione congiunta, nel sud della nuova Repubblica irachena. Il ministero della Cultura e la soprintendenza della Repubblica dell'Iraq infatti hanno accordato il permesso di nuovi scavi nell'area di Abu Tubairah, un sito di grande interesse che, a giudicare dalla ceramica reperita in superficie, si colloca cronologicamente dal periodo Jemdet Nasr (2900 a.C.) sino all'epoca Paleo-Babilonese (ca. 1750 a.C.). Gli scavi, guidati dall'assiriologo Franco D'Agostino della facoltà di Studi orientali e dal soprintendente archeologico della regione di Dhi Qar Abdulamir Al-Hamdani, ha anche lo scopo di addestrare sul campo giovani archeologi, epigrafisti e topografi iracheni e italiani.

Il permesso di scavo giunge al termine di una serie di attività scientifico-culturali e didattiche per l'aggiornamento linguistico e filologico delle lingue della Mesopotamia antica, sumerico e assiro-babilonese, che hanno vista impegnata la facoltà di Studi orientali nell'area di Nassiriyah, grazie a fondi del ministero degli Affari esteri e dell'Università. Dopo una prima fase di ricognizione tra settembre e ottobre, la missione inizierà gli scavi nella primavera del 2011. Non è la prima volta che la Sapienza è presente in Iraq con attività scientifico-culturali e didattiche; già nel 2004 l'èquipe guidata dal professor Giovanni Pettinato vi si è recata per la ricognizione sullo stato delle epigrafi del museo di Baghdad dopo i furti e i saccheggi compiuti dall'inizio della guerra. Lo stanziamento 2010 per i grandi scavi è di 500 mila euro, con un netto aumento, nonostante le difficoltà finanziarie per le università italiane, rispetto ai 373 euro stanziati nel 2009

Fonte - Ancient Times   http://www.ancientimes.info/magazine/news

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna


Questo articolo é stato letto: 873 volte
Choose your language!
Arabic Chinese_simplified English French German Japanese Portuguese Russian Turkish
Social

Facebook Wstoriadellarte

Twitter @wstoriadellarte

Instagram @wstoriadellarte_

Youtube wsavonainarte

http://www.wstoriadellarte.eu/new/images/youtube-banner-video.png
Lezioni digitali
http://www.wstoriadellarte.eu/new/images/immagini_plugin_flash/1 rin.jpghttp://www.wstoriadellarte.eu/new/images/immagini_plugin_flash/assss.jpghttp://www.wstoriadellarte.eu/new/images/immagini_plugin_flash/goo.jpghttp://www.wstoriadellarte.eu/new/images/immagini_plugin_flash/i soll.jpghttp://www.wstoriadellarte.eu/new/images/immagini_plugin_flash/immmm.jpghttp://www.wstoriadellarte.eu/new/images/immagini_plugin_flash/or.jpg
Utenti online
 83 visitatori online

Con il patrocinio

della Delegazione di Savona

Sito del FAI di Savona

Ora siamo anche su Youtube!

 

Iscriviti al canale dedicato ai beni culturali

del territorio savonese!


Storia dell'Arte.eu è segnalato da:
 Il Blog dell'Arte