Il cibo dei Neanderthal

Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 

Molluschi, foche e pinoli: in una grotta il menu di Neanderthal

Molluschi, foche e pinoli: in una grotta il menu di Neanderthal

I nostri antenati si cibavano - come noi - anche di crostacei, uccelli marini, tartarughe e cervi. I resti del pasto nella caverna di Figueira Brava, a Sud di Lisbona che custodisce indizi di un insediamento di circa 100 mila anni fa

27 March 2020

L'uomo di Neanderthal era cacciatore e pescatore. E soprattutto aveva più o meno i nostri gusti in fatto di cibo. La conferma arriva dopo la scoperta di un antro nel Sud del Portogallo, nella roccia a picco sul mare vicino Lisbona, dove sono conservate tracce di un insediamento risalente a circa 100 mila anni fa con i resti di un pasto. Nella grotta, spiegano l'archeologo portoghese João Zilhão dell'Università di Barcellona e Diego E. Angelucci dell'Università di Trento nella loro ricerca pubblicata su Science, c'è tutto quel che serve per ricostruire la dieta ricca e varia dei nostri antenati che comprendeva molluschi, crostacei, uccelli marini, foche, ma anche cervi, tartarughe e persino pinoli.

Gli archeologi che hanno portato avanti gli scavi nella grotta di Figueira Brava hanno ricostruito la stratigrafia del sito, valutando la posizione e l'integrità dei reperti rinvenuti, per comprendere l'origine dei sedimenti della grotta (attraverso micromorfologia archeologica) e riconoscere gli apporti dovuti all'azione umana. E capire se davvero l'Uomo di Neanderthal avesse davvero meno risorse e capacità di adattamento rispetto a quanto siamo portati a credere dell'Homo Sapiens.
"Lo scavo - spiega Angelucci - ha permesso di recuperare una grande quantità di resti archeologici relativi all'occupazione della grotta da parte dei neandertaliani: strumenti in pietra scheggiata (selce e quarzo), resti di pasto, residui dell'uso del fuoco (carboni e cenere). Tra i resti di pasto, la sorpresa è rappresentata dall'abbondante presenza di resti di pesce, molluschi e crostacei, che dimostrano l'utilizzo sistematico di risorse di origine marina"

La grotta è oggi situata lungo la linea di costa, ma si trovava più lontana dal mare quando fu occupata dai neandertaliani, a una distanza variabile tra 750 mt e 2 km. Malgrado ciò, nel "menu" quotidiano dei neandertaliani che abitarono Figueira Brava c'era di tutto un po', con risorse alimentari di origine marina ben rappresentate che costituivano, con ogni probabilità, una componente significativa della loro dieta, se non maggioritaria. Le tracce del pasto ci dicono che Neanderthal si nutriva di (cozze, vongole e patelle), crostacei (granceole e altri granchi), pesci (squali come lo smeriglio - il cosiddetto vitello di mare - e la verdesca, ma anche anguille, orate, gronghi, cefali), vari uccelli marini o acquatici (tra cui germani reali, oche selvatiche, sule, cormorani, gazze marine, garzette e altri) e mammiferi marini (delfini e foche grigie).

https://www.repubblica.it/scienze/2020/03/27/news/molluschi_foche_e_tartarughe_in_una_grotta_svelato_il_menu_di_neanderthal-252453294/?ref=RHPF-VA-I252468128-C4-P6-S1.4-T1

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna


Questo articolo é stato letto: 118 volte

Leggi anche:

Choose your language!
Arabic Chinese_simplified English French German Japanese Portuguese Russian Turkish
Social

Facebook Wstoriadellarte

Twitter @wstoriadellarte

Instagram @wstoriadellarte_

Youtube wsavonainarte

http://www.wstoriadellarte.eu/new/images/youtube-banner-video.png
Lezioni digitali
http://www.wstoriadellarte.eu/new/images/immagini_plugin_flash/1 rin.jpghttp://www.wstoriadellarte.eu/new/images/immagini_plugin_flash/assss.jpghttp://www.wstoriadellarte.eu/new/images/immagini_plugin_flash/goo.jpghttp://www.wstoriadellarte.eu/new/images/immagini_plugin_flash/i soll.jpghttp://www.wstoriadellarte.eu/new/images/immagini_plugin_flash/immmm.jpghttp://www.wstoriadellarte.eu/new/images/immagini_plugin_flash/or.jpg
Utenti online
 169 visitatori online

Con il patrocinio

della Delegazione di Savona

Sito del FAI di Savona

Ora siamo anche su Youtube!

 

Iscriviti al canale dedicato ai beni culturali

del territorio savonese!


Storia dell'Arte.eu è segnalato da:
 Il Blog dell'Arte