Tra conventi e lapislazzuli: non solo i monaci ci hanno tramandato i testi antichi

Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 

Gli amanuensi che decoravano i manoscritti medioevali con splendide miniature e materiali preziosi, come oro e lapislazzuli, non erano solo uomini: c'erano anche delle donne fra gli autori di questi capolavori. Lo dimostra la scoperta di tracce di lapislazzulo nella placca dentale di una donna vissuta e sepolta vicino a un monastero tedesco nel 1100. Il risultato è pubblicato sulla rivista Science Advances dall'Istituto tedesco Max Planck di Scienze umane e storia.

La dimostrazione che anche le donne fossero autrici, come i monaci, delle miniature più pregiare, è arrivata dall'analisi dei resti sepolti ne cimitero vicino all'antico monastero femminile di Dalheim, che ospitava circa 14 religiose e i cui primi documenti scritti finora noti risalgono al 1244.

 

 

A capo del team di archeogenetica del Max Planck Institute for the Science of Human History, in Germania, che ha effettuato la scoperta ci sono Anita Radini, archeologa dell'Università di York, e Christina Warinner.

Nel tartaro dei denti di una donna trovata nel cimitero sono state rinvenute numerose macchie blu. Morta tra il 1000 e 1200 quando aveva fra 45 e 60 anni, la donna non aveva malattie scheletriche nè tracce di infezioni o traumi. Considerando la posizione della tracce blu rispetto ai denti, l'ipotesi più probabile è che la donna dipingesse le miniature utilizzando un colore pregiato come quello ottenuto dai lapislazzuli, leccando di tanto in tanto la punta del pennello mentre lavorava.

Il blu del lapislazzulo, accanto all'oro e all'argento, era riservato ai manoscritti più preziosi. "Solo agli amanuensi e pittori di eccezionale bravura venivano affidati tali colori", rileva una delel autrici della ricerca, Alison Beach. La Germania è stata molto attiva nella produzione di codici miniati nel Medioevo e identificare il contributo femminile a queste opere è sempre risultato molto difficile, anche perchè molti amanuensi medioevali non firmavano il loro lavoro, in segno di umiltà.

Cosa che ha portato a credere che le donne avessero avuto un ruolo molto marginale. I resti di questa monaca dimostrano il contrario.

Fonte: http://www.ansa.it/canale_scienza_tecnica/notizie/scienza_arte/2019/01/13/non-solo-monaci-tra-gli-amanuensi-anche-le-donne_6d921a3d-1cbc-4a46-b840-0adfe2467783.html

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna


Questo articolo é stato letto: 38 volte

Leggi anche:

Choose your language!
Arabic Chinese_simplified English French German Japanese Portuguese Russian Turkish
Social

Facebook Wstoriadellarte

Twitter @wstoriadellarte

Instagram @wstoriadellarte_

Youtube wsavonainarte

http://www.wstoriadellarte.eu/new/images/youtube-banner-video.png
Lezioni digitali
http://www.wstoriadellarte.eu/new/images/immagini_plugin_flash/1 rin.jpghttp://www.wstoriadellarte.eu/new/images/immagini_plugin_flash/assss.jpghttp://www.wstoriadellarte.eu/new/images/immagini_plugin_flash/goo.jpghttp://www.wstoriadellarte.eu/new/images/immagini_plugin_flash/i soll.jpghttp://www.wstoriadellarte.eu/new/images/immagini_plugin_flash/immmm.jpghttp://www.wstoriadellarte.eu/new/images/immagini_plugin_flash/or.jpg
Utenti online
 248 visitatori online

Con il patrocinio

della Delegazione di Savona

Sito del FAI di Savona

Ora siamo anche su Youtube!

 

Iscriviti al canale dedicato ai beni culturali

del territorio savonese!


Storia dell'Arte.eu è segnalato da:
 Il Blog dell'Arte