Alla scoperta di Notting Hill

Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 

Notting Hill é un quartiere nella zona occidentale  di Londra, a nord del Tamigi nel Royal Borough di Kensington e Chelsea, reso celebre in tutto il mondo dal film con Julia Roberts e Hugh Grant.
Tutte le sue strade sono ricche di negozi alla moda e ristoranti di lusso, che contrastano con l'origine operaia della zona: infatti nei suoi primi anni di vita, quest'area era abitata dai dipendenti, per la maggior parte immigrati, delle fabbriche di Londra.

Proprio in questo quartiere si svolge la più grande festa in strada d'Europa: il Notting Hill Carnival, che attira più di due milioni di turisti da tutto il mondo durante l'ultimo fine settimana di agosto. I festeggiamenti trasportano gli spettatori negli anni '60, che in questa zona erano animati dall'atmosfera caraibica, grazie a carri allegorici e sfilate di danza.
Il cuore del quartiere, ricco di boutique alla moda soprattutto in Westbourne Grove e Ledbury Road, si può raggiungere percorrendo Pembringe Road.

Poco lontano si trova Portobello Road, nota soprattutto per il suo teatro e il mercato che coinvolge artigiani, cuochi e stilisti: tutti approfittano di questo momento per farsi conoscere, soprattutto gli emergenti del settore della moda, anche se il pezzo forte del mercato è l'antiquariato! 
In questo quartiere, inoltre, si trovano numerosissime librerie, tra cui quella di proprietà di Hugh Grant nel film, Travel Bookshop.
Per sfruttare al massimo la fama del film, sono stati organizzati tour guidati che portano i turisti in tutte le location visitate dai protagonisti Anna Scott e William Thacker, come la libreria in Blenheim Crescent N. 13 e la porta blu di Westbourne Park Road n. 208.

A Notting Hill si trova anche il centro della comunità nordafricana di Londra: Golborne Road, nota anche come Little Morocco, è il posto ideali per gustare i sapori maghrebini pur restando in Europa .
Nell'estremità nord orientale del quartiere, poi, svetta la Trellick Tower,  un edificio di 31 piani progettato tra gli anni '60 e' 70 da Erno Goldfinger seguendo la corrente del Brutalismo, che mette in risalto il cemento facendone emergere alcuni sprazzi sulla facciata. 
Esattamente nell'angolo opposto inizia Ladbroke Grove in cui sorge il Kensal Green Cemetry, in cui riposano il duca di Sussex, sesto figlio di Giorgio III, la principessa Sophia, William Makepeace Thackeray e Anthony Trollope.

L'unico museo che si trova qui è il Museum of Brands, Packaging & Advertising, che nasce da un'idea di Ropert Opie: a sedici anni iniziò a raccogliere ogni genere di oggetto che la gente buttava via e la sua collezione aumentò a vista d'occhio. Tutti gli oltre 12.000 contenitori trovati, come bottiglie del latte, sacchetti di cereali... sono stati radunati in questo edificio per criticare il consumismo inglese dell'ultimo secolo, un'iniziativa davvero originale!
Questo è anche un quartiere dall'anima artistica: vi sorgono infatti piccole gallerie d'arte come la Sala contemporanea, Beverley Knowles Fine Arts E Graffik, dedicata soprattutto all'arte urbana, e la Temple Gallery, specializzata nell'iconografia sacra.  Non solo le gallerie d'arte, ma anche il Gate Theatre rivela la vena creativa della zona: qui infatti si sviluppano ogni anno nuovi talenti teatrali. Chi preferisce la danza e i concerti alla commedie, invece, può entrare nel The Print Room, un luogo che combina entrambe le arti in un solo spettacolo!

Qui a Notting Hill, inoltre, sono nati molti talenti musicali all'interno dei Sarm Studios, tra cui Bob Marley, Led Zeppelin, i Queen, i Depeche Mode e i Rolling Stones... 
Il cinema più frequentato del quartiere, invece, è l'Elecrtic Cinema di Portobello Road che vi farà assistere alla proiezione che avete scelto  seduti su soffici divani e sgabelli mentre dei camerieri vi servono il vostro drink preferito. 
Per i turisti è una zona dal costo accessibile, dato che percorrerla è totalmente gratuito, ma per i residenti è diventato davvero dispendioso: dopo il film, infatti, i prezzi delle case si sono gonfiati e hanno raggiunto cifre altissime!

Un altro problema per chi vive qui sono i turisti: se digitate su Instagram l'hashatag Notting Hill, troverete ben 1,2 milioni di fotografie  di casette color pastello, alcune sono addirittura selfie con coni gelato in mano sulle scale delle abitazioni, davanti alle porte, appoggiati alle recinzioni... Una vera e propria invasione che i residenti non sono più disposti a tollerare: ai giornalisti del Times, infatti, hanno commentato che il loro quartiere sta diventando una copia di Disneyland. Il problema non sono solo le foto, che di per sé non sarebbero invasive, ma il vociare, il bivaccare sugli usci per pranzare con cibo da asporto spargendo briciole e immondizia nei giardini degli abitanti. E Notting Hill non è il primo quartiere ad avere questi fastidi:in Rue Crémieux a Parigi i residenti hanno chiesto di chiudere la via ai turisti di sera e nei fine settimana. Anche l'America è colpita da questo fenomeno: Lombrad Street a San Francisco vuole istituire un pedaggio per dissuadere i turisti dal passare in auto. A Londra la  soluzione sarà meno drastica: inizieranno una campagna di sensibilizzazione che inibisca i comportamenti maleducati dei turisti.

Insomma, una piccola perla all'interno di una grande metropoli, che noi turisti dobbiamo imparare a rispettare, perché nessuno di noi lascerebbe la spazzatura del pranzo sulle proprie scale di casa!

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Bibliografia : https://www.ilturista.info/ugc/info/da_visitare/364-Notting_Hill_il_quartiere_Londinese_famoso_per_Portobello_Road_e_il_carnevale/https://www.visitbritain.com/it/it/Notting-Hillhttps://www.lastampa.it/viaggi/mondo/2019/07/11/news/basta-foto-a-notting-hill-la-rivolta-contro-turisti-e-influencer-troppo-invadenti-1.36945785https://trucchilondra.com/turismo/londra/quartiere-notting-hill/,

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna


Questo articolo é stato letto: 34 volte

Leggi anche:

Choose your language!
Arabic Chinese_simplified English French German Japanese Portuguese Russian Turkish
Social

Facebook Wstoriadellarte

Twitter @wstoriadellarte

Instagram @wstoriadellarte_

Youtube wsavonainarte

http://www.wstoriadellarte.eu/new/images/youtube-banner-video.png
Lezioni digitali
http://www.wstoriadellarte.eu/new/images/immagini_plugin_flash/1 rin.jpghttp://www.wstoriadellarte.eu/new/images/immagini_plugin_flash/assss.jpghttp://www.wstoriadellarte.eu/new/images/immagini_plugin_flash/goo.jpghttp://www.wstoriadellarte.eu/new/images/immagini_plugin_flash/i soll.jpghttp://www.wstoriadellarte.eu/new/images/immagini_plugin_flash/immmm.jpghttp://www.wstoriadellarte.eu/new/images/immagini_plugin_flash/or.jpg
Utenti online
 126 visitatori e 1 utente online

Con il patrocinio

della Delegazione di Savona

Sito del FAI di Savona

Ora siamo anche su Youtube!

 

Iscriviti al canale dedicato ai beni culturali

del territorio savonese!


Storia dell'Arte.eu è segnalato da:
 Il Blog dell'Arte