Attraversando il London Bridge

Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 

Sono trascorsi quasi 190 anni da quando il London Bridge fu aperto per la prima volta il 1 agosto 1831; esso sorge sul punto in cui  i Romani si insediarono nel I secolo e dove costruirono il primo ponte di Londra, strategico per consentire e controllare sia le comunicazioni via terra sia quelle via fiume.

Si dice che nel 1014 re Olaf di Norvegia riuscì a battere l'esercito avversario ammassato sul ponte legando con grosse funi i piloni alle navi della sua flotta facendo crollare ponte e nemici.  Da questo episodio nacque una filastrocca diffusa in tutte le scuole inglesi:
"London Bridge is falling down,
Falling down, Falling down.
London Bridge is falling down,
My fair lady."
Nel corso della sua storia, infatti, questo ponte fu ricostruito numerose volte:il ponte medioevale, completato dopo 33 anni di lavori nel 1209, era profondamente diverso da quello in cemento armato che tutti conosciamo. Il vecchio London Bridge aveva 19 piccole arcate, un ponte levatoio ed un posto di controllo sulla sponda sud; inoltre vi sorgeva una cappella che aveva addirittura un ingresso a livello del fiume per i pescatori e per i traghettatori, aveva case, botteghe e birrerie inserite in edifici alti fino ad un massimo di 7 piani.
Nel 1213 fu distrutto da un incendio in cui morirono, annegate o carbonizzate, oltre tremila persone.  La ricostruzione diede vita ad un ponte difficile da oltrepassare sia con un'imbarcazione,  in quanto il restringimento delle arcate creava vortici e rapide, sia a piedi poiché vi si allineavano più di 200 attività commerciali.
Nel 1305 fu inaugurata una macabra consuetudine: la testa del patriota scozzese William Wallace venne esposta come monito per mesi fino a quando non si ridusse al solo teschio. Da allora molte teste di "ribelli" furono destinate alla stessa fine, come Thomas Moore nel 1535 e Thomas Cromwell nel 1540.
Nel XVII secolo il sindaco fu costretto dal traffico eccessivamente intenso a decretare che tutti i veicoli provenienti da Southwark e dunque intenzionati a entrare in città viaggiassero sul lato ovest del ponte mentre quelli che uscivano da Londra dovevano tenere il lato est. Molti ipotizzano che l'abitudine degli inglesi di inserire il posto di guida a sinistra delle autovetture nacque proprio in questa occasione!
Nonostante questo decreto e la rimozione di alcuni edifici e di due arcate, il ponte era ormai troppo vecchio ed era anche diventato un ostacolo per la navigazione, perciò si decise di costruire un nuovo London Bridge 30m più a monte. Il nuovo ponte a 5 arcate , lungo 283 m e largo 16 metri, venne inaugurato nel 1831 ma i successivi lavori di ampliamento ne provocarono un lento e progressivo sprofondamento che costrinse i londinesi a ricostruirlo ancora una volta.
Quello esistente venne smontato pezzo per pezzo e ricostruito in Arizona dopo essere stato acquistato nel 1960 da una società americana per 2.460.000 dollari; si dice che l'imprenditore statunitense Robert P. McCulloch lo comprò credendo erroneamente di acquistare il Tower Bridge, con cui in molti ancora oggi confondono il London Bridge.
L'attuale ponte fu inaugurato dalla regina Elisabetta II il 17 marzo 1973 e fu progettato dalla società di ingegneria Mott, Hay e Anderson per essere funzionale e resistente; é costituito da tre arcate con travi inscatolate in cemento armato, per una lunghezza di 283 m.
Appare spesso in film, notiziari e documentari per mostrare la moltitudine di pendolari che si recano a lavoro nella City. Su di esso si erge il grattacielo più alto d'Europa, lo Shard di Renzo Piano; inoltre ospita il Borough Market, il celebre mercato alimentare di Londra.
Bibliografia:

 

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna


Questo articolo é stato letto: 12 volte

Leggi anche:

Choose your language!
Arabic Chinese_simplified English French German Japanese Portuguese Russian Turkish
Social

Facebook Wstoriadellarte

Twitter @wstoriadellarte

Instagram @wstoriadellarte_

Youtube wsavonainarte

http://www.wstoriadellarte.eu/new/images/youtube-banner-video.png
Lezioni digitali
http://www.wstoriadellarte.eu/new/images/immagini_plugin_flash/1 rin.jpghttp://www.wstoriadellarte.eu/new/images/immagini_plugin_flash/assss.jpghttp://www.wstoriadellarte.eu/new/images/immagini_plugin_flash/goo.jpghttp://www.wstoriadellarte.eu/new/images/immagini_plugin_flash/i soll.jpghttp://www.wstoriadellarte.eu/new/images/immagini_plugin_flash/immmm.jpghttp://www.wstoriadellarte.eu/new/images/immagini_plugin_flash/or.jpg
Utenti online
 132 visitatori online

Con il patrocinio

della Delegazione di Savona

Sito del FAI di Savona

Ora siamo anche su Youtube!

 

Iscriviti al canale dedicato ai beni culturali

del territorio savonese!


Storia dell'Arte.eu è segnalato da:
 Il Blog dell'Arte