La cultura Walser in Val d'Aosta

Valutazione attuale: / 7
ScarsoOttimo 

La comunità Walser è la più affascinante civiltà alpina delle nostre montagne con una lingua antichissima,costumi e leggende rimaste intatte dal Medioevo.

La valle del Lys, come altre valli che circondano il Monte Rosa, è stata popolata alla fine del Medioevo da popolazioni di origine germanica provenienti dall'Alto Vallese: i Walser.

In Italia comunità Walser sono presenti in Piemonte (in Valesia e Nel'Ossola) e in Val d'Aosta (nella valle del Lys e anticamente nell'alta val d'Ayas).

La parola Walser è una variazione di Walliser cioè abitante del Wallis, termine tedesco che indica la parte superiore della valle del Rodano, valle per eccellenza nella cultura alpina.

 

Una traccia architettonica della loro diffusione è costituita dagli “stadel”, edifici rurali che poggiano su colonne a forma di fungo con il gambo di legno ed il cappello formato da un grande disco di pietra, che serviva ad isolare il fienile dall'umidità e dai roditori. Si tratta di grandi strutture di tronchi di larice squadrati e impilati, giuntati agli angoli con incastri a croce, edificati su una base in muratura che ospita la stalla.

Di regola la casa è di tre piani. Sul piano inferiore seminterrato, in muratura di pietre, è posata la struttura lignea della casa e vi trova spazio la stalla con annesso l'angolo dedicato al soggiorno, la cucina ed altri accessori; al primo piano le camere da letto; all'ultimo piano il fienile e la cameretta per la conservazione dei viveri.

Gli stadel si trovano sulle sponde del fiume del Lys, al riparo dalle valanghe e formano piccoli villaggi d'origine familiare. Colpiscono prima di tutto per la loro bellezza, coperte nella parte alta da graticci nati per far seccare il fieno e spesso decorati con fiori colorati.

Questi edifici e centri abitati sono inoltre diventati oggetto di turismo e documentazione storica, infatti quando si parla di casa Walser o archittetura Walser si indicano le strutture in legno e pietra locale costruite nel secolo scorso, visibili nelle regioni alpine.

Sono una perfetta rappresentazione del paesaggio incontaminato di montagna, che conferiscono all'ambiente una dimensione fiabesca.

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna


Questo articolo é stato letto: 56 volte

Leggi anche:

Choose your language!
Arabic Chinese_simplified English French German Japanese Portuguese Russian Turkish
Social

Facebook Wstoriadellarte

Twitter @wstoriadellarte

Instagram @wstoriadellarte_

Youtube wsavonainarte

http://www.wstoriadellarte.eu/new/images/youtube-banner-video.png
Lezioni digitali
http://www.wstoriadellarte.eu/new/images/immagini_plugin_flash/1 rin.jpghttp://www.wstoriadellarte.eu/new/images/immagini_plugin_flash/assss.jpghttp://www.wstoriadellarte.eu/new/images/immagini_plugin_flash/goo.jpghttp://www.wstoriadellarte.eu/new/images/immagini_plugin_flash/i soll.jpghttp://www.wstoriadellarte.eu/new/images/immagini_plugin_flash/immmm.jpghttp://www.wstoriadellarte.eu/new/images/immagini_plugin_flash/or.jpg
Utenti online
 325 visitatori online

Con il patrocinio

della Delegazione di Savona

Sito del FAI di Savona

Ora siamo anche su Youtube!

 

Iscriviti al canale dedicato ai beni culturali

del territorio savonese!


Storia dell'Arte.eu è segnalato da:
 Il Blog dell'Arte