"Muro della gentilezza" a Milano

Valutazione attuale: / 1
ScarsoOttimo 

Milano, ecco il "muro della gentilezza": vestiti e giubbotti appesi per chi ha bisogno.
Il muro è stato inaugurato martedì 7 gennaio. Già tantissime le donazioni per i più bisognosi.

Non solo un simbolo di divisione e separazione: a Milano anche i muri sono capaci di unire le persone. A dimostrarlo è il progetto del muro della gentilezza che, a partire dal gennaio 2020, fa da ponte tra i meno fortunati in cerca di un giubbotto, un vestito per affrontare l'inverno o un libro e i donatori che volontariamente possono lasciare un pensiero per il prossimo. Il muro si trova in via Luigi Nono 7 a Milano, ed è accessibile a tutta la popolazione, cittadini e non.

A erigere questo muro solidale, quasi un ossimoro, i ragazzi del Tempio del Futuro Perduto, lo spazio culturale (ri)nato nel 2018 dopo la ristrutturazione da parte un gruppo di associazioni culturali milanesi di uno dei tanti edifici in disuso e abbandonati della Fabbrica del Vapore a Milano.

 

II cuore grande di Milano. E che cuore. Martedì 7 gennaio è stato inaugurato il primo "muro della gentilezza" cittadino: un vero e proprio muro - fisico, reale - in cui chiunque può lasciare qualcosa da donare ai più bisognosi.

In poco tempo, a conferma della grande solidarietà dei milanesi, lo spazio si è riempito di giubbotti, vestiti, libri, spazzolini, sacchi a pelo, cuscini e tanto altro, che nei prossimi giorni saranno distribuiti a chi è meno fortunata.

L'iniziativa è stata lanciata e curata dal "Tempio del futuro perduto", il collettivo di ragazzi che sta ristrutturando uno spazio da tempo abbandonato della Fabbrica del vapore - proprio in via Nono - e che a ottobre scorso aveva deciso di offrire colazioni e aperitivi agli automobilisti bloccati nel traffico per far conoscere la propria storia a tutti.

Milano, ecco il "muro della gentilezza": vestiti e giubbotti appesi per chi ha bisogno
Si tratta - avevano spiegato loro stessi su Facebook annunciando l'idea - di "un muro" in cui a qualsiasi ora si potranno trovare appesi vestiti invernali ed estivi, beni di prima necessità, libri e molto altro. Per chi ne ha più bisogno ma anche per la comunità del quartiere e la cittadinanza intera. Il Tempio - avevano chiarito - è da due anni un punto di raccolta permanente di vestiti usati che vengono poi destinati a senzatetto e missioni umanitarie".

Fonti: https://www.milanotoday.it/attualita/muro-gentilezza-dove.html
 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna


Questo articolo é stato letto: 22 volte

Leggi anche:

Choose your language!
Arabic Chinese_simplified English French German Japanese Portuguese Russian Turkish
Social

Facebook Wstoriadellarte

Twitter @wstoriadellarte

Instagram @wstoriadellarte_

Youtube wsavonainarte

http://www.wstoriadellarte.eu/new/images/youtube-banner-video.png
Lezioni digitali
http://www.wstoriadellarte.eu/new/images/immagini_plugin_flash/1 rin.jpghttp://www.wstoriadellarte.eu/new/images/immagini_plugin_flash/assss.jpghttp://www.wstoriadellarte.eu/new/images/immagini_plugin_flash/goo.jpghttp://www.wstoriadellarte.eu/new/images/immagini_plugin_flash/i soll.jpghttp://www.wstoriadellarte.eu/new/images/immagini_plugin_flash/immmm.jpghttp://www.wstoriadellarte.eu/new/images/immagini_plugin_flash/or.jpg
Utenti online
 158 visitatori online

Con il patrocinio

della Delegazione di Savona

Sito del FAI di Savona

Ora siamo anche su Youtube!

 

Iscriviti al canale dedicato ai beni culturali

del territorio savonese!


Storia dell'Arte.eu è segnalato da:
 Il Blog dell'Arte