Che cosa ispirò Dalì nella raffigurazione degli orologi sciolti?

Valutazione attuale: / 1
ScarsoOttimo 

Come per tanti capolavori della storia dell'arte, anche il dipinto a olio su tela La persistenza della memoria (1931), del pittore surrealista spagnolo Salvador Dalí, che in una cornice onirica raffigura alcuni orologi sciolti, ha alimentato molteplici interpretazioni.

Mostrandosi assai sensibile all'influsso di Sigmund Freud, Dalì riflette sulla relatività del tempo. Il suo scorrere è cupamente scandito dal moto cadenzato degli orologi, che pretendono di misurare oggettivamente questa dimensione; eppure, a giudizio del pittore, questi strumenti tecnici sono messi in crisi dalla memoria umana, un dato né quantificabile né tangibile che è alla base della soggettività del tempo.

L’opera è stata realizzata in sole due ore e in circostanze assai particolari. L'artista, infatti, afflitto da un'improvvisa emicrania, fu impossibilitato ad accompagnare la moglie Gala al cinema e cominciò a creare il dipinto.

La storica dell’arte Dawn Adès (università dell'Essex, UK) sosteneva, con altri studiosi, che la scelta di "sciogliere" gli orologi fosse ispirata alla teoria della relatività dello spazio-tempo di Einstein.

 

Altre ipotesi suggerivano che la morbidezza rappresentasse la percezione umana del tempo che, nonostante sia misurabile, sembra soggettivamente veloce o lento, indipendentemente dalla sua scansione.

In una lettera al chimico e fisico Ilya Prigogine, Salvador Dalí racconta che l’idea degli orologi distorti e gocciolanti del dipinto gli venne una sera d'estate guardando il formaggio camembert sciogliersi al sole. È tuttavia nota la "sete di stupire e scandalizzare" di surrealisti e dadaisti, e di Dalì in particolare.

Oggi questo capolavoro è conservato al Musuem of Modern Art di New York.  A Figueres, invece, la città spagnola dove l'artista spagnolo è nato nel 1904 - e morto nel 1989 - , vi è il Museo Dalí, costruito nel 1983 nell'antico teatro dove fece la sua prima mostra: tra le tante opere, anche la tomba che lo stesso Dalí progettò per sé.

Fonti:

https://www.focus.it/cultura/arte/surrealismo-salvador-dali-orologi

https://it.wikipedia.org/wiki/La_persistenza_della_memoria

Foto:

https://www.bitculturali.it/online/wp-content/uploads/2015/04/dali.jpg

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna


Questo articolo é stato letto: 374 volte

Leggi anche:

Choose your language!
Arabic Chinese_simplified English French German Japanese Portuguese Russian Turkish
Social

Facebook Wstoriadellarte

Twitter @wstoriadellarte

Instagram @wstoriadellarte_

Youtube wsavonainarte

http://www.wstoriadellarte.eu/new/images/youtube-banner-video.png
Lezioni digitali
http://www.wstoriadellarte.eu/new/images/immagini_plugin_flash/1 rin.jpghttp://www.wstoriadellarte.eu/new/images/immagini_plugin_flash/assss.jpghttp://www.wstoriadellarte.eu/new/images/immagini_plugin_flash/goo.jpghttp://www.wstoriadellarte.eu/new/images/immagini_plugin_flash/i soll.jpghttp://www.wstoriadellarte.eu/new/images/immagini_plugin_flash/immmm.jpghttp://www.wstoriadellarte.eu/new/images/immagini_plugin_flash/or.jpg
Utenti online
 374 visitatori online

Con il patrocinio

della Delegazione di Savona

Sito del FAI di Savona

Ora siamo anche su Youtube!

 

Iscriviti al canale dedicato ai beni culturali

del territorio savonese!


Storia dell'Arte.eu è segnalato da:
 Il Blog dell'Arte