Per conoscere l' Arte indiana

Valutazione attuale: / 2
ScarsoOttimo 

Adriano Ercolani

Scrittore e critico letterario

Arte indiana, la sua concezione non è una mera espressione estetica. Ma il vertice di una civiltà

Arte indiana, la sua concezione non è una mera espressione estetica. Ma il vertice di una civiltà

Dalla fine degli anni 60 in poi, in Occidente si è sviluppata una grande fascinazione di massa per la cultura indiana: improvvisamente sono diventati di moda i cibi dai colori vivaci e i sapori speziati, le tinte sgargianti dei sari, le note ipnotiche del sitar. Una fascinazione spesso superficiale, che ha talvolta ridotto una civiltà millenaria a uno stereotipo esotico e, talvolta, caricaturale. Si tratta, al contrario, di un giacimento straordinario di conoscenza e bellezza da affrontare con rispetto e competenza.

Pensiamo alla concezione dell’arte: non una mera espressione estetica, ma il vertice di una civiltà, una sintesi vertiginosa, derivata nei secoli da contaminazioni reciproche di culture diverse (pensiamo solo alla grande dialettica tra Induismo e Islam durante il periodo della dinastia Moghul). Una concezione ieratica, sacrale, connessa profondamente al significato spirituale dell’esistenza. Come scrive il grande studioso Ananda Kentish Coomaraswamy ne Il Grande Brivido (Adelphi): “Dobbiamo ricordare che in origine tutte le operazioni artistiche erano dei riti, e che lo scopo del rito […] è di sacrificare l’uomo vecchio e di farne nascere uno nuovo e più perfetto.”

Importante è anche ricordare, come sancisce lo studioso Alain Daniélou (figura straordinaria e controversa, fratello di un cardinale, convertito all’induismo shivaita), nel suo saggio fondamentale Śiva e Dioniso (Astrolabio): “Nella filosofia śivaita il divino è definito come “ciò in cui gli opposti coesistono”. Troviamo la stessa definizione in Eraclito. “L’unione degli opposti” (coincidentia oppositorum) era per Nicola Cusano la meno imperfetta definizione di Dio.”

Però, in questa necessaria e proficua traduzione culturale, bisogna tener conto di alcune differenze. Roberto Calasso ne L’Ardore (Adelphi) chiarisce: “Applicare la nozione occidentale di “simbolo” al mondo vedico condurrebbe rapidamente a una condizione di generale insignificanza per eccesso di significati. E di fatto non esiste in sanscrito una parola che corrisponda con precisione a “simbolo”.” D’altro canto, l’etimologia della parola “yoga” (“giogo”, “unione”) è affine a quella di “simbolo” (“mettere insieme”).

In questo, senso potremmo dire che in sanscrito non esiste propriamente il concetto di simbolo (ciò che per i medievali univa la realtà visibile terrena a quella invisibile spirituale) proprio perché in quella visione spirituale di per sé la realtà tutta è simbolo, ovvero figura dell’unione invisibile sottesa al Tutto, come dichiarato nella principale corrente della filosofia indiana, l’Advaita Vedanta (letteralmente, “la conoscenza della non-dualità.”)

Tutto ciò che pertiene all’arte indiana classica ha, dunque, un profondo significato spirituale. Solitamente, in Occidente ci sono due approcci all’arte indiana: uno scettico e pieno di pregiudizi; l’altro ammirato ma comunque superficiale, che si accosta con meraviglia alla straordinaria abilità musicale degli artisti come se si trattasse di una performance atletica, quasi un’esibizione circense. C’è molto di più da scoprire. Un concetto fondante dell’arte indiana, intraducibile nelle lingue occidentali, è Marga Samgita, ovvero l’arte come “percorso” per ottenere la liberazione dal samsara (il ciclo delle morti e rinascite) attraverso la sintesi di musica strumentale, canto e danza.

https://www.ilfattoquotidiano.it/2020/10/09/arte-indiana-la-sua-concezione-non-e-una-mera-espressione-estetica-ma-il-vertice-di-una-civilta/5957765/

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna


Questo articolo é stato letto: 41 volte

Leggi anche:

Choose your language!
Arabic Chinese_simplified English French German Japanese Portuguese Russian Turkish
Social

Facebook Wstoriadellarte

Twitter @wstoriadellarte

Instagram @wstoriadellarte_

Youtube wsavonainarte

http://www.wstoriadellarte.eu/new/images/youtube-banner-video.png
Lezioni digitali
http://www.wstoriadellarte.eu/new/images/immagini_plugin_flash/1 rin.jpghttp://www.wstoriadellarte.eu/new/images/immagini_plugin_flash/assss.jpghttp://www.wstoriadellarte.eu/new/images/immagini_plugin_flash/goo.jpghttp://www.wstoriadellarte.eu/new/images/immagini_plugin_flash/i soll.jpghttp://www.wstoriadellarte.eu/new/images/immagini_plugin_flash/immmm.jpghttp://www.wstoriadellarte.eu/new/images/immagini_plugin_flash/or.jpg
Utenti online
 124 visitatori online

Con il patrocinio

della Delegazione di Savona

Sito del FAI di Savona

Ora siamo anche su Youtube!

 

Iscriviti al canale dedicato ai beni culturali

del territorio savonese!


Storia dell'Arte.eu è segnalato da:
 Il Blog dell'Arte