Le api chiedono aiuto

Valutazione attuale: / 1
ScarsoOttimo 

Le api chiedono aiutoLe api non sono solo minacciate dal continuo utilizzo di pesticidi ma anche dalla grande minaccia dei cambiamenti climatici che causano gravi problemi  sulla salute dei principali impollinatori del mondo e se vogliamo immaginare ancora del cibo sulle nostre tavole dobbiamo prendere immediatamente dei provvedimenti.

Le api non producono solamente miele, ma hanno un ruolo estremamente importante nella produzione di cibo, infatti da esse dipende la riuscita di 87 delle principali 115 coltivazioni mondiali, che corrisponde al 35% della produzione globale di cibo.

Questa scomparsa ha iniziato a verificarsi nel 2014, quando sono svaniti  10 milioni di alveari , e soltanto in Italia ne scompaiono circa 200 mila all’anno.

Gli scienziati hanno denominato questo avvenimento “sindrome di spopolamento degli alveari” e questo fenomeno è dovuto da 3 principali cause:

Perdita dell’habitat : il rialzo delle temperature spinge le piccole operaie alate a migrare verso latitudini più fresche dove generano nuovi alveari;

Variazione delle stagioni : il rialzo delle temperature porta a fioriture anticipate e quindi i fiori mettono polline e nettare a disposizione quando le api non sono ancora pronte a raccoglierlo;

Malattie: con il riscaldamento globale i parassiti si diffondono in maniera molto più veloce, attaccando le api. Alcuni di questi parassiti sono l’acaro Varroa desructor che indebolisce le api in modo molto veloce e violento; il fungo Nosema ceranae che compromette le funzioni digestive degli impollinatori. Quest’ultimo fungo , combinato ad un altro parassita chiamato Aethina tumida , un coleottero che si nutre di tutto ciò che si trova nell’alveare, costituiscono una delle minacce principali, ed è stato dimostrato che con temperature più basse viene limitata la loro presenza.

Quindi, in che modo possiamo dare il nostro contributo per aiutare queste operaie alate?

Non bisogna compiere gesti eclatanti ma solamente mettere sul nostro balcone o nel giardino le così dette “fioriture amiche delle api” che offriranno a questi preziosi insetti una fonte di sostentamento in più per tutto l'anno, anche se si abita in città.

Fonte:https://www.focus.it/ambiente/ecologia/le-api-al-tempo-del-riscaldamento-globale

 

Questo articolo é stato letto: 76 volte

Leggi anche:

Choose your language!
Arabic Chinese_simplified English French German Japanese Portuguese Russian Turkish
Social

Facebook Wstoriadellarte

Twitter @wstoriadellarte

Instagram @wstoriadellarte_

Youtube wsavonainarte

http://www.wstoriadellarte.eu/new/images/youtube-banner-video.png
Lezioni digitali
http://www.wstoriadellarte.eu/new/images/immagini_plugin_flash/1 rin.jpghttp://www.wstoriadellarte.eu/new/images/immagini_plugin_flash/assss.jpghttp://www.wstoriadellarte.eu/new/images/immagini_plugin_flash/goo.jpghttp://www.wstoriadellarte.eu/new/images/immagini_plugin_flash/i soll.jpghttp://www.wstoriadellarte.eu/new/images/immagini_plugin_flash/immmm.jpghttp://www.wstoriadellarte.eu/new/images/immagini_plugin_flash/or.jpg
Utenti online
 264 visitatori online

Con il patrocinio

della Delegazione di Savona

Sito del FAI di Savona

Ora siamo anche su Youtube!

 

Iscriviti al canale dedicato ai beni culturali

del territorio savonese!


Storia dell'Arte.eu è segnalato da:
 Il Blog dell'Arte