Beni culturali

Gr625: la Signorina

Gr625: la SignorinaSi tratta di una evoluzione del gruppo 600, un veicolo molto apprezzato per il passo rigido molto corto e per la flessibilità data dall'innovazione del carrello italiano, che permetteva di ridurre i danni all'armamento della linea in curva grazie alla possibilità di ruotare e traslare lateralmente di 40 mm.

Le 625 nacquero dal bisogno delle neonate Ferrovie dello Stato di ottenere in tempi brevi delle macchine multiruolo e il più possibile standardizzate, per cui la soluzione ovvia fu quella di creare un progetto basandosi su veicoli preesistenti: il lavoro venne commissionato...
 

Museo Egizio di Torino, Trasloco dei Faraoni dopo 200 anni: destinazione Pompei

Valutazione attuale: / 3
ScarsoOttimo 
Museo Egizio di Torino, Trasloco dei Faraoni dopo 200 anni: destinazione PompeiNon si muovevano da quasi 200 anni, ma sono arrivate sane e salve a Pompei con un trasporto speciale le sette monumentali statue della dea Sekhmet e quella del faraone Thutmosi III, partite dal Museo Egizio di Torino lunedì scorso. Lì erano arrivate nel 1824, spedite da Livorno, passando per Genova, per iniziativa di Bernardino Drovetti, che le aveva fatte arrivare via mare da Alessandria d’Egitto, insieme alle altre  grandi sculture tuttora nelle collezioni del museo. E lì, nello...
 

E444 Tartaruga: nata per correre!

Valutazione attuale: / 4
ScarsoOttimo 
E444 Tartaruga: nata per correre!"Chi va piano va sano e va lontano": una metafora contraddittoria volle l'accostamento della "Tartaruga", simbolo di lentezza e sopportazione di un fardello inseparabile di vita, alle nuove locomotive E444. Nomignolo e simbolo vennero accettati dalle FS, dopo una consultazione tra ferrovieri avvenuta attraverso le pagine di "Voci della Rotaia". Tale nomignolo fu più che azzeccato per le imprese che attendevano le nuove locomotive E444.

Verso la metà degli anni '60 le FS si trovarono nella...
 

E646 & E645: le locomotive di successo

E646 & E645: le locomotive di successoAll'inizio degli anni cinquanta le Ferrovie dello Stato, esaurita la fase della ricostruzione postbellica, intrapresero la progettazione di locomotive di potenza in grado di fornire migliori prestazioni in termini di capacità di traino e di minori tempi di percorrenza. Tra le locomotive elettriche disponibili nel parco rotabili FS, tutte di progettazione anteguerra, nessuna raggiungeva la potenza di 3 MW; le E.626 e E.636, progettate nel periodo fascista e costruite tra questo e il secondo...
 

Treno azzurro

Valutazione attuale: / 1
ScarsoOttimo 
Treno azzurroIl treno Azzurro era un treno rapido delle Ferrovie dello Stato che collegava Milano con Napoli.

Il nome deriva dal fatto che, a differenza del materiale ordinario FS, le carrozze erano caratterizzate da una livrea con due toni di blu: blu scuro nella parte bassa della cassa e per la fascia dei finestrini e celeste per tutto il resto. Il treno era inizialmente affidato ai locomotori E.428, principalmente della sottoserie aerodinamica (.225-.241; il 242, distrutto per cause belliche, non...
 
Altri articoli...
Choose your language!
Arabic Chinese_simplified English French German Japanese Portuguese Russian Turkish
Social

Facebook Wstoriadellarte

Twitter @wstoriadellarte

Instagram @wstoriadellarte_

Youtube wsavonainarte

http://www.wstoriadellarte.eu/new/images/youtube-banner-video.png
Lezioni digitali
http://www.wstoriadellarte.eu/new/images/immagini_plugin_flash/1 rin.jpghttp://www.wstoriadellarte.eu/new/images/immagini_plugin_flash/assss.jpghttp://www.wstoriadellarte.eu/new/images/immagini_plugin_flash/goo.jpghttp://www.wstoriadellarte.eu/new/images/immagini_plugin_flash/i soll.jpghttp://www.wstoriadellarte.eu/new/images/immagini_plugin_flash/immmm.jpghttp://www.wstoriadellarte.eu/new/images/immagini_plugin_flash/or.jpg
Utenti online
 165 visitatori online

Con il patrocinio

della Delegazione di Savona

Sito del FAI di Savona

Ora siamo anche su Youtube!

 

Iscriviti al canale dedicato ai beni culturali

del territorio savonese!


Storia dell'Arte.eu è segnalato da:
 Il Blog dell'Arte