Il Prigioniero di Azkaban

Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 

“Harry Potter e il prigioniero di Azkaban” è il terzo capitolo della saga di Harry Potter scritta da J. K. Rowling.

Harry Potter, ragazzino il cui destino è rappresentato dalla cicatrice che Voldemort incise sulla sua fronte quando era neonato, vive al numero 4 di Privet Drive insieme ai suoi zii e a suo cugino. Harry da due anni sa di essere un mago e studia alla scuola di magia e stregoneria di Hogwarts.

Il romanzo inizia con la visita a casa Dursley di zia Marge, sorella di zio Vernon, che insulta pesantemente i genitori di Harry, il quale, durante la cena, perde il controllo e la fa gonfiare fino a farla volare via.

Arrabbiato, Harry fugge da Privet Drive con il “Nottetempo”, un autobus che corre in aiuto dei maghi in difficoltà, ma prima di fuggire nota che un enorme cane nero lo sta osservando.

Harry alloggia al “Paiolo magico” una locanda di Londra fino al giorno del suo ritorno a Hogwarts.

Sull'espresso per Hogwarts, Harry ritrova i suoi amici, Ron Weasley e Hermione Granger, e incontra un misterioso personaggio, il professor Lupin, nuovo insegnante di difesa contro le arti oscure. Il viaggio è funestato dall'arrivo di un dissennatore, una guardia di Azkaban, la prigione dei maghi. I dissennatori si nutrono della felicità e dei bei ricordi delle persone. Entrando a contatto con uno di essi, Harry sviene ed è soccorso da Lupin .

Arrivato a Hogwarts , Harry scopre la ragione per cui i dissennatori erano sul treno: il pluriomicida Sirius Black è fuggito da Azkaban e sembra stia cercando proprio Harry!

Al villaggio di Hogsmeade, Harry scopre che Sirius Black era amico di James Potter, suo padre , ucciso insieme a sua madre da Voldemort. In nome di questa amicizia, Black era il custode segreto dell'incantesimo di protezione che difendeva i Potter dai Mangiamorte, seguaci di Voldemort , ma in base a quanto si racconta nel mondo dei maghi, aveva tradito i suoi amici e li aveva venduti a Voldemort.

Il romanzo quindi parla della lunga ricerca di Harry per scoprire la verità su Sirius Black e sul cane nero . Una verità che stupirà il lettore!

Questo romanzo mi è piaciuto, perché fa vedere il mondo magico in situazioni di vita quotidiana. Il mondo di Hogwarts è molto simile a quello dei colleges inglesi nella realtà, per la vita comunitaria che vi si conduce, per la fatica degli alunni per stare al passo con i compiti e le lezioni, e per le sfide che appassionano alunni e docenti. La magia in questo contesto è accolta in modo più naturale dal lettore, che non si trova catapultato in un modo del tutto irreale, ma in qualche modo si ritrova in situazioni di normalità.

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna


Questo articolo é stato letto: 58 volte

Leggi anche:

Choose your language!
Arabic Chinese_simplified English French German Japanese Portuguese Russian Turkish
Social

Facebook Wstoriadellarte

Twitter @wstoriadellarte

Instagram @wstoriadellarte_

Youtube wsavonainarte

http://www.wstoriadellarte.eu/new/images/youtube-banner-video.png
Lezioni digitali
http://www.wstoriadellarte.eu/new/images/immagini_plugin_flash/1 rin.jpghttp://www.wstoriadellarte.eu/new/images/immagini_plugin_flash/assss.jpghttp://www.wstoriadellarte.eu/new/images/immagini_plugin_flash/goo.jpghttp://www.wstoriadellarte.eu/new/images/immagini_plugin_flash/i soll.jpghttp://www.wstoriadellarte.eu/new/images/immagini_plugin_flash/immmm.jpghttp://www.wstoriadellarte.eu/new/images/immagini_plugin_flash/or.jpg
Utenti online
 236 visitatori online

Con il patrocinio

della Delegazione di Savona

Sito del FAI di Savona

Ora siamo anche su Youtube!

Iscriviti al canale dedicato ai beni culturali

del territorio savonese!


Storia dell'Arte.eu è segnalato da:
 Estro Barocco.com  Il Blog dell'Arte