Quando un antistress diventa un giocattolo virale

Valutazione attuale: / 5
ScarsoOttimo 

FSpinnerTutti lo vogliono, quasi chiunque lo ama. Una moda giovane, nata da poco più di due mesi, ma già diffusissima tra gli adolescenti. È il Fidget Spinner. Apparentemente un oggetto inutile, ma capace di far impazzire milioni di ragazzi. Ma cos'è veramente?

Inventato negli anni '90 da una madre americana e brevettato nel 1997, esso aveva lo scopo originario di ridurre lo stress dei figli, affetti da un disturbo nervoso che provocava loro movimenti involontari in situazioni di concentrazione. Presentato a molte case di produzione ludica, esso non ricevette attenzione e, nel 2005, il brevetto non fu rinnovato. Alcune aziende, tra cui la Hasbro, iniziarono a produrlo in quantitativi minimi per lo scopo a per cui era stato creato. Tuttavia, nel febbraio 2017, alcuni YouTubers americani hanno iniziato a mostrarlo in video, spiegarne il funzionamento ed utilizzarlo in continuazione.

A quel punto, come ormai accade spesso, il fenomeno è esploso. Adolescenti di tutto il mondo hanno iniziato a precipitarsi nei negozi e su internet per acquistarne uno. Molti modelli differenti sono iniziati ad apparire. E la scusa è sempre la stessa: serve per rilassarsi.

La verità è che si tratta di una moda bella e buona, in quanto l'effetto rilassante si ha solo se affetti da un qualche genere di disturbo nervoso, anche minimo.

L'oggetto si compone di plastica, collocata in modo da creare un cerchio durante la rotazione, attorno ad un semplicissimo cuscinetto a sfera. Dando un piccolo input con le dita, esso inizierà a girare vorticosamente finchè la forza applicata non si esaurirà, a volte anche dopo parecchi minuti.

Bisogna inoltre fare attenzione, in quanto se usato in modo scorretto contro cose o persone può provocare danni anche gravi (basti pensare ad un video su YouTube dove, facendo girare uno Spinner, l'autore riesce facilmente a sfondare lo schermo di un iPhone).

Dunque la solita trovata commerciale? Probabilmente sì, ma ne avremo la certezza solo vedendo una decrescita del fenomeno in poco tempo.

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna


Questo articolo é stato letto: 441 volte

Leggi anche:

Choose your language!
Arabic Chinese_simplified English French German Japanese Portuguese Russian Turkish
Social

Facebook Wstoriadellarte

Twitter @wstoriadellarte

Instagram @wstoriadellarte_

Youtube wsavonainarte

http://www.wstoriadellarte.eu/new/images/youtube-banner-video.png
Lezioni digitali
http://www.wstoriadellarte.eu/new/images/immagini_plugin_flash/1 rin.jpghttp://www.wstoriadellarte.eu/new/images/immagini_plugin_flash/assss.jpghttp://www.wstoriadellarte.eu/new/images/immagini_plugin_flash/goo.jpghttp://www.wstoriadellarte.eu/new/images/immagini_plugin_flash/i soll.jpghttp://www.wstoriadellarte.eu/new/images/immagini_plugin_flash/immmm.jpghttp://www.wstoriadellarte.eu/new/images/immagini_plugin_flash/or.jpg
Utenti online
 277 visitatori online

Con il patrocinio

della Delegazione di Savona

Sito del FAI di Savona

Ora siamo anche su Youtube!

 

Iscriviti al canale dedicato ai beni culturali

del territorio savonese!


Storia dell'Arte.eu è segnalato da:
 Il Blog dell'Arte