Riapre il Peace Memorial Museum di Hiroshima

Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 

Il 25 aprile ad Hiroshima, per ricordare la tragica esplosione della bomba nucleare del 6 agosto 1945, verrà inaugurato il Peace Memorial Museum. Si tratta di un progetto dell'architetto giapponese Kenzo Tange, divenuto realtà per la prima volta dieci anni dopo il tragico evento ma negli ultimi ventiquattro mesi soggetto ad una complessa restaurazione, terminata l'8 aprile.

Il museo sorge nella zona Nord-Est Heiwa Kinen Koen, ovvero il Parco della Pace, proprio accanto al punto di impatto della bomba: la cupola dell'Industry Promotion Hall, il centro per la promozione delle attività industriali della prefettura di Hiroshima. La detonazione ha fatto cadere tutte le sue lastre in bronzo, ma non la struttura, che ancora oggi è quella originale: la città ha deciso di non modificarla per mostrare gli effetti del bombardamento.

Alla riapertura saranno inaugurate due mostre permanenti: “Hiroshima, 6 agosto” e “Vittime e superstiti" che racconteranno la successione degli eventi di quel giorno grazie all'esposizione di inediti reperti donati al museo dai discendenti delle vittime: video, foto, effetti personali e testimonianze dei sopravvissuti. Un percorso davvero emozionante che raggiungerà sicuramente cuore e anima di tutti i visitatori.

Il museo presenta un percorso cronologico diviso in due parti dalla struttura stessa tramite un corridoio: la prima parte descrive l'espansione di Hiroshima durante la guerra, poi lo scenario cambia, trasferendosi negli Stati Uniti per seguire lo sviluppo dell'arma. Tutto questo abilmente presentato con una straordinaria oggettività, nel rispetto delle vittime di questa tragedia e di tutte le altre che avvennero durante la guerra, consentendo ai visitatori di comprendere davvero l’evoluzione degli eventi senza troppi condizionamenti e  lasciando che i fatti parlino da soli.

Il secondo edificio, invece, si concentra maggiormente sul lato umano della tragedia presentando i danni provocati dall’esplosione alla città e a tutti gli abitanti. Manichini con le mani fuse, poca luce, oggetti trovati tra le rovine circondano i visitatori, esperienza emotivamente davvero forte!

Gli oggetti più particolari e suggestivi sono le pietre con sopra impresse le ombre di chi vi era vicino, gli orologi che sono rimasti fermi all'istante dello scoppio, i modellini in scala che riproducono la forza d'impatto e il raggio d’azione della bomba, ma anche le mortali piogge causate da essa nei giorni successivi al 6 agosto che uccisero ancora più persone.

L'ultima stanza è dedicata a Sadako Sasaki, una bambina di due anni che sopravvisse all'esposizione,  nonostante fosse stata scaraventata fuori dalla finestra della sua camera. Dieci anni dopo però, le fu diagnosticata una forma di leucemia causata dalle radiazioni. La sua migliore amica le narrò uno dei racconti tradizionali giapponesi secondo cui chi avesse realizzato 1000 gru di origami avrebbe potuto esprimere un desiderio e la bambina iniziò la sua opera ma morì prima di portarla a termine. I suoi compagni lo fecero per lei e da allora ogni anno sulla sua tomba vengono deposte centinaia di gru di origami! Questa stessa stanza del museo ne è piena.

Guide volontarie vi accompagneranno, se lo vorrete, durante tutta la visita, per rendere tutto comprensibile a chiunque: questi ragazzi parlano numerose lingue tra cui anche quella dei segni.

Il museo è circondato da monumenti storici che commemorano quel giorno: ad esempio il Cenotafio, su cui furono iscritti i nomi delle 200.000 vittime, si trova proprio accanto alla cupola. Anche il Genbaku-No-Ko-No-Zo, monumento dedicato a tutti i bambini morti quel giorno, sorge nel Parco della Pace.

Quest'anno oltre a ricordare la liberazione dei prigionieri di Auschwitz, il 25 aprile ci sarà un altro spunto per riflettere ancora sul dolore arrecato in passato in modo da evitare di ricommettere gli stessi errori in futuro.

 

Bibliografia: https://www.lastampa.it/2019/04/08/societa/riapre-il-museo-sulla-bomba-nucleare-di-hiroshima-con-nuovi-sconvolgenti-reperti-9oE5J3HJf3rtx02hQn4c2M/pagina.html, https://www.japan-experience.it/citta-hiroshima/museo-della-pace, http://www.daisuki.it/musei_daisuki/memoriale_pace_hiroshima.htm, https://www.ilgustoinviaggio.com/museo-della-pace-di-hiroshima/,

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna


Questo articolo é stato letto: 145 volte

Leggi anche:

Choose your language!
Arabic Chinese_simplified English French German Japanese Portuguese Russian Turkish
Social

Facebook Wstoriadellarte

Twitter @wstoriadellarte

Instagram @wstoriadellarte_

Youtube wsavonainarte

http://www.wstoriadellarte.eu/new/images/youtube-banner-video.png
Lezioni digitali
http://www.wstoriadellarte.eu/new/images/immagini_plugin_flash/1 rin.jpghttp://www.wstoriadellarte.eu/new/images/immagini_plugin_flash/assss.jpghttp://www.wstoriadellarte.eu/new/images/immagini_plugin_flash/goo.jpghttp://www.wstoriadellarte.eu/new/images/immagini_plugin_flash/i soll.jpghttp://www.wstoriadellarte.eu/new/images/immagini_plugin_flash/immmm.jpghttp://www.wstoriadellarte.eu/new/images/immagini_plugin_flash/or.jpg
Utenti online
 363 visitatori e 1 utente online

Con il patrocinio

della Delegazione di Savona

Sito del FAI di Savona

Ora siamo anche su Youtube!

 

Iscriviti al canale dedicato ai beni culturali

del territorio savonese!


Storia dell'Arte.eu è segnalato da:
 Il Blog dell'Arte