London Calling: la storia di una copertina storica

Valutazione attuale: / 4
ScarsoOttimo 

"London Calling" dei Clash ha segnato un'epoca, ha fatto da spartiacque tra due decenni fondamentali per la musica. Con "London Calling" i Clash hanno reso, fin dalla copertina, un tributo al Rock'n'Roll. Infatti la grafica utilizzata da Ray Lowry è una perfetta copia di quella usata dal re del r'n'r, Elvis Presley, per il suo debutto discografico datato 1956.
Con quell'omonimo album Presley diede il via a tutto quello che poi è successo fino ad oggi. Ray riporta fedelmente i colori ed il lettering di Elvis Presley e colloca il nome del disco nella identica posizione usata dal grafico del Re.

Come per Elvis la foto utilizzata dai Clash è in bianco e nero e come per Presley si tratta di una foto dal vivo, scattata alle ore 22.50 del 21 settembre 1979 al Palladium di New York. L'esatto momento dello scatto è stato determinato grazie all'orologio di Paul Simonon, che si è arrestato nell'istante in cui il bassista, deluso dalla performance del gruppo quella sera, percuoteva e spaccava il suo basso sul palco newyorkese. In seguito Simonon regalò l'orologio rotto alla fotografa come ricordo di quello scatto diventato, per alcuni versi, immortale. Sul retro un altro paio di foto live ritraevano i Clash ad Austin in Texas ed ad Atlanta in Georgia, a testimonianza della globalizzazione ormai in atto anche nel punk-rock. Da una parte Elvis col suo r'n'r, dall'altra la violenza intrinseca del punk rock.

Pennie Smith, la fotografa, seguì i Clash in tutto il tour americano e resasi conto di ciò che stava accadendo sul palco si ritrovò a scattare questa foto che passerà poi alla storia come uno dei maggiori simboli del punk-rock. La Smith sconsigliò la band di utilizzare  questo scatto che poi finì sulla copertina, perché sfuocato etroppo vicino al soggetto fotografato.
I Clash invece ritenevano che quella immagine sfuocata rappresentasse benissimo la loro musica, anche se Paul Simonon sosteneva che Pennie non si era preparata tecnicamente per quella foto.

L'idea di utilizzare la grafica del primo album di Elvis è spiegata dal grafico  semplicemente dicendo che si ricordava fin da bambino di quella copertina, con quei colori in piena antitesi con il rock'n'roll, ma che proprio per questo motivo facevano risaltare l'immagine di Elvis caricandola di energia e sex appeal.
Per i Clash voleva mantenere la stessa ed immutata carica, perché come nel caso di Elvis rappresentavano la nuova musica e la rabbia di una intera generazione.
Iniziò a lavorare alla copertina negli uffici di Los Angeles della CBS, dopo aver acquistato una copia dell'album di Elvis durante la tappa a Chicago del tour dei Clash, il lavoro fu poi terminato negli uffici londinesi della CBS, dove i grafici ascoltavano in continuazione Radio One e lavoravano senza tregua solo ed esclusivamente alla copertina del disco di Shakin' Stevens.

Rimane così solo un dubbio atroce. Chi mai avrà progettato e realizzato la grafica del primo album di Elvis? Sulla copertina nessun riferimento è d'aiuto, tanto che in molti credono di aver individuato nel manager- padrone di Elvis , Colonel Tom Parker, l'artefice di quella grafica e di quei colori. Si è infatti certi solo del nome del fotografo, William S. Radolph,  in arte Popsie , che scattò la foto nel 1955 durante una performance di Elvis a Tampa, Florida.
Ultimissima annotazione per segnalarvi che il primo titolo di "London Calling" era "The New Testament", poi abbandonato perché ritenuto troppo pretenzioso.

Fonti: http://www.radioclash.it/testi/miscellaneous/london_raggix.htm

Pagina facebook "Le fotografie che hanno fatto la storia" https://www.facebook.com/lefotografiechehannofattolastoria.it/

 

Questo articolo é stato letto: 83 volte

Leggi anche:

Choose your language!
Arabic Chinese_simplified English French German Japanese Portuguese Russian Turkish
Social

Facebook Wstoriadellarte

Twitter @wstoriadellarte

Instagram @wstoriadellarte_

Youtube wsavonainarte

http://www.wstoriadellarte.eu/new/images/youtube-banner-video.png
Lezioni digitali
http://www.wstoriadellarte.eu/new/images/immagini_plugin_flash/1 rin.jpghttp://www.wstoriadellarte.eu/new/images/immagini_plugin_flash/assss.jpghttp://www.wstoriadellarte.eu/new/images/immagini_plugin_flash/goo.jpghttp://www.wstoriadellarte.eu/new/images/immagini_plugin_flash/i soll.jpghttp://www.wstoriadellarte.eu/new/images/immagini_plugin_flash/immmm.jpghttp://www.wstoriadellarte.eu/new/images/immagini_plugin_flash/or.jpg
Utenti online
 279 visitatori online

Con il patrocinio

della Delegazione di Savona

Sito del FAI di Savona

Ora siamo anche su Youtube!

Iscriviti al canale dedicato ai beni culturali

del territorio savonese!


Storia dell'Arte.eu è segnalato da:
 Il Blog dell'Arte