Scheria: una descrizione di un'UFO?

Valutazione attuale: / 8
ScarsoOttimo 

aliensUn'isola introvabile, nascosta da una nebbia perenne. Navi invisibili, velocissime e naviganti in modo automatico. Edifici completamente metallici, pieni di bracieri e carrelli semoventi. Automi metallici di forme varie e con compiti diversificati. Un popolo estremamente felice ed avanzato, di uomini simili a dei. Direi che sia chiaro a tutti che stiamo parlando di una comunità aliena. E invece no. Siamo nell'epica greca, nell'Odissea. Questa non è altro che l'isola dei Feaci, Scheria.

L'isola, mai identificata geograficamente, di Scheria è nominata soprattutto nell'Odissea omerica, ma anche in altri racconti dell'èpos greco. La sua descrizione, che avete appena letto, è abbastanza strana. Automi, case metalliche, navi ultraveloci e invisibilità totale dell'isola stessa. E, nella nostra mente ormai abituata a vedere film di fantascienza, l'immagine che viene a formarsi non può che essere quella di un UFO. Inoltre, il fatto che la popolazione locale, i Feaci, sia formata da umani simili a dei non può che far immaginare degli alieni.

È dunque possibile che, nell'Odissea, sia presente una descrizione di una comunità di saggi alieni? In tal caso, forse, bisognerebbe ammettere che i sostenitori della teoria degli "Antichi Astronauti" potrebbero avere ragione. Tale teoria ipotizza che, quando la nostra civiltà era ancora agli inizi, il mondo sia stato visitato da alieni facenti parte di una civiltà avanzata e che essi abbiano installato delle basi sulla Terra e che abbiano trasmesso ai nostri antenati conoscenze tecniche incalcolabili, soltanto grazie alle quali sarebbe stato possibile edificare i grandi monumenti antichi, come le piramidi.

Ovviamente, questa idea non è molto credibile. Tuttavia, vista la descrizione di Scheria, i dubbi potrebbero nascere. Ricordiamo infatti l'enorme quantità di statue, bassorilievi e pitture antichissime che rappresentano figure fedelissime all'immaginario moderno sugli UFO e gli extra-terrestri. Chissà, forse un giorno torneranno e ci racconteranno come è andata veramente migliaia di anni fa.

 

Questo articolo é stato letto: 459 volte

Leggi anche:

Choose your language!
Arabic Chinese_simplified English French German Japanese Portuguese Russian Turkish
Social

Facebook Wstoriadellarte

Twitter @wstoriadellarte

Instagram @wstoriadellarte_

Youtube wsavonainarte

http://www.wstoriadellarte.eu/new/images/youtube-banner-video.png
Lezioni digitali
http://www.wstoriadellarte.eu/new/images/immagini_plugin_flash/1 rin.jpghttp://www.wstoriadellarte.eu/new/images/immagini_plugin_flash/assss.jpghttp://www.wstoriadellarte.eu/new/images/immagini_plugin_flash/goo.jpghttp://www.wstoriadellarte.eu/new/images/immagini_plugin_flash/i soll.jpghttp://www.wstoriadellarte.eu/new/images/immagini_plugin_flash/immmm.jpghttp://www.wstoriadellarte.eu/new/images/immagini_plugin_flash/or.jpg
Utenti online
 288 visitatori e 1 utente online

Con il patrocinio

della Delegazione di Savona

Sito del FAI di Savona

Ora siamo anche su Youtube!

 

Iscriviti al canale dedicato ai beni culturali

del territorio savonese!


Storia dell'Arte.eu è segnalato da:
 Il Blog dell'Arte