IMPORTIAMO STUDIOSI CHE VENGONO A IMPARARE E PRODURRE MATEMATICA DA NOI ITALIANI

Valutazione attuale: / 2
ScarsoOttimo 

"Cervelli in fuga, al contrario"

Al centro "De Giorgi" di Pisa arriva un team di ricercatori francesi

FRANCESCO VACCARINO
politecnico di torino

Nemo propheta in patria». La frase attribuita a Gesù descrive bene la diaspora dei ricercatori italiani. E' la «fuga dei cervelli» di cui tanto si parla. «Ma il problema così come posto è un falso - dice Stefano Marmi, professore di sistemi dinamici presso la Scuola Normale Superiore di Pisa -. Il vero punto è l'ecologia dei cervelli, cioè il bilancio tra entrate e uscite nel sistema: e questo è negativo non tanto per quelli che se ne vanno, ma perché non arrivano ricercatori dall'estero». Ora un passo in avanti nel superamento di questo squilibrio è stato fatto dal Centro di Ricerca Matematica «Ennio De Giorgi» a Pisa, dove è sorta la prima «Unité mixte internationale» italiana del Centre National de la Recherche Scientifique, il Cnrs, la maggiore organizzazione di ricerca pubblica francese.

Il Centro «De Giorgi» è stato fondato nel 2001 dalla Normale insieme con l'Università di Pisa e la Scuola Superiore Sant'Anna: «Grazie anche al lavoro di Mariano Giaquinta, suo creatore e direttore, il “De Giorgi” è diventato uno dei migliori “think tank” nel panorama mondiale - spiega Marmi -. Organizziamo periodi di studio intensivi, durante i quali giovani studiosi e matematici affermati possono condividere un ambiente stimolante in cui scambiare idee, condividere ricerche, sviluppare teorie. Abbiamo avuto ospiti da tutto il mondo, tra cui spiccano molti vincitori della Medaglia Fields».

E come spesso accade in Italia si tratta di una realtà che nel nostro Paese resta poco conosciuta. «Una delle difficoltà è reperire i fondi di funzionamento, cioè i denari per avere personale dedicato e per coprire le spese fisse - aggiunge Marmi -. Riceviamo dei fondi dalla Normale, dall'Università di Pisa e dalla Scuola Sant'Anna, ma, anche a causa degli ultimi tagli, queste somme non bastano per mantenere una struttura fissa, come avviene per altri centri analoghi, come l'Oberwolfach in Germania, l'Msri a Berkeley, l'Ihes a Parigi oppure il Mittag-Leffler in Svezia».

Ora, però, un aiuto importante è arrivato dall'estero. Il Cnrs, infatti, ha deciso di aprire una sede estera proprio presso il «De Giorgi». «E' la prima volta che questa prestigiosa istituzione apre una sua unità in Italia e siamo felici che ciò avvenga da noi», dice Marmi. Che aggiunge che il centro sarà intitolato a Fibonacci, il grande matematico pisano. Non si tratta di un semplice accordo di collaborazione scientifica, ma dell'effettiva creazione di un laboratorio in comune con i francesi. Loro forniranno personale a tempo indeterminato, che verrà distaccato in Italia per lunghi periodi, oltre a un contributo economico fisso.

Saranno anche attivate posizioni temporanee per i ricercatori del Cnrs che vorranno venire a lavorare e studiare a Pisa. «Se vogliamo continuare con la metafora ecologica - chiosa Marmi - insieme con gli amici francesi abbiamo creato un centro di ripopolamento che, nel suo piccolo, importa cervelli dalla Francia, pagati dai francesi, per venire ad imparare e produrre nuova matematica da noi, riconoscendo così il valore internazionale della nostra ricerca e della nostra scuola».

E' una realtà che non nasce certo in modo rapsodico, ma è il frutto di una serie di condizioni favorevoli. «La presenza a Pisa della Scuola Normale è stata fondamentale: il nostro modello educativo trae le sue origini dall'esperienza francese delle Écoles Normales e questa “affinità elettiva” ha reso più semplice la collaborazione. La seconda condizione è la lunga e proficua collaborazione tra i matematici pisani e quelli francesi. Infine, ma non ultimo, il “De Giorgi” ha fornito le condizioni ambientali e organizzative per rendere possibile quest' accordo».

L'attività sarà coordinata da Luigi Ambrosio e Mariano Giaquinta della Scuola Normale Superiore, da Ferruccio Colombini dell'Università di Pisa, oltre che dallo stesso Marmi e da David Sauzin del Cnrs. I filoni di ricerca iniziali verteranno su sistemi dinamici, equazioni d'onda, teoria geometrica della misura e «trasporto ottimo». «Sono temi che, pur avendo una lunga storia, sono di estrema attualità, sia da un punto di vista teorico, che per le potenziali applicazioni - racconta Marmi -. I sistemi dinamici si occupano dell'evoluzione di un sistema, anche molto complesso, rispetto al tempo. Le equazioni d'onda nascono dallo studio dei fenomeni ondulatori. L'esempio principe è l'equazione di Schroedinger, che descrive i comportamenti ondulatori delle particelle nella meccanica quantistica. La teoria geometrica della misura, invece, ha vaste applicazioni, dal trattamento delle immagini alla meccanica della frattura, mentre il trasporto risale al problema di Monge del 1781, inteso a minimizzare il costo di un trasporto».

Per festeggiare la nascita del centro, attivo già da gennaio, si sta tenendo un convegno alla Normale, che continuerà fino a domani. E' stato preceduto, lunedì scorso, da una festosa cerimonia d'inaugurazione, con la partecipazione, tra gli altri, di due grandi della matematica come Albert Fathi e JeanChristophe Yoccoz. Il lavoro è appena cominciato, con una fuga di cervelli al contrario, a dimostrazione - se ce ne fosse bisogno - che possiamo essere eccellenti, se ci crediamo.

Fonte:La Stampa

http://www3.lastampa.it/scienza/sezioni/news/articolo/lstp/445491/

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna


Questo articolo é stato letto: 758 volte

Leggi anche:

Choose your language!
Arabic Chinese_simplified English French German Japanese Portuguese Russian Turkish
Social

Facebook Wstoriadellarte

Twitter @wstoriadellarte

Instagram @wstoriadellarte_

Youtube wsavonainarte

http://www.wstoriadellarte.eu/new/images/youtube-banner-video.png
Lezioni digitali
http://www.wstoriadellarte.eu/new/images/immagini_plugin_flash/1 rin.jpghttp://www.wstoriadellarte.eu/new/images/immagini_plugin_flash/assss.jpghttp://www.wstoriadellarte.eu/new/images/immagini_plugin_flash/goo.jpghttp://www.wstoriadellarte.eu/new/images/immagini_plugin_flash/i soll.jpghttp://www.wstoriadellarte.eu/new/images/immagini_plugin_flash/immmm.jpghttp://www.wstoriadellarte.eu/new/images/immagini_plugin_flash/or.jpg
Utenti online
 396 visitatori online

Con il patrocinio

della Delegazione di Savona

Sito del FAI di Savona

Ora siamo anche su Youtube!

 

Iscriviti al canale dedicato ai beni culturali

del territorio savonese!


Storia dell'Arte.eu è segnalato da:
 Il Blog dell'Arte