Una nuova didattica per la Storia dell'Arte

Valutazione attuale: / 31
ScarsoOttimo 

Su Storia dell'Arte.eu sono disponibili le lezioni digitali per lo studio della storia dell'arte, suddivise in cinque corsi, come da piano orario sperimentale del tradizionale Liceo Classico.

Per poterle scaricare dal menù "lezioni digitali" occorre essere iscritti al sito Storia dell'Arte.eu, eseguendo il login sul sito.Come sono state concepite e quali concetti didattici presentano le lezioni digitali? Come si possono scaricare le lezioni digitali?

Già  nei primi anni ottanta, agli esordi  della professione, avevo sperimentato tutte le tecnologie allora disponibili ( episcopio, lavagna luminosa, diapositive, telecamera) ,ma esse risultavano sempre condizionate da almeno due limiti: la macchinosità operativa  e la scarsa flessibilità nella  gestione dei dati (es. accanto alle immagini erano necessari testi scritti e schemi etc.).

Negli anni novanta il calcolatore stava velocemente migliorando le sue prestazioni grafiche e l’editoria rendeva disponibili C.D. di argomento artistico, ma come già per il libro di testo anche queste proposte risultavano, nella prassi scolastica, troppo vincolanti per l’insegnante che necessita di un continua adattabilità al contesto in cui opera.

Infine solo i programmi di presentazione mediante diapositive digitali hanno offerto lo strumento adatto perchè assai flessibile e veramente multimediale.

Naturalmente a monte della costruzione della presentazione c’è il lavoro lungo  e complesso  di reperimento e elaborazione delle immagini che devono avere la forma più adatta  al percorso di apprendimento stabilito.

Queste lezioni digitali sono strutturate per essere svolte in classe e presuppongono comunque la spiegazione diretta dell’insegnante, esse mettono a disposizione una grande quantità di dati che facilitano lo studio,anche domestico, allo studente.

 

Osservazioni operative

La presentazione delle opere :

  • Per educare ad una visione consapevole è necessario presentare immagini di buona qualità, ma spesso non basta la semplice riproduzione dell’opera completa, infatti per penetrare, nei casi più significativi, la ricchezza e la complessità dei capolavori occorre inserire  particolari mediante ingrandimenti.
  • L’esperienza visiva amplia la capacità di comprensione e alimenta la sensibilità; per incentivare questa competenza bisogna offrire la possibilità di operare confronti tra opere diverse. Proprio dall’attivazione del processo di raffronto gli studenti rompono lo status di passività ricettiva realizzando personali  procedimenti deduttivi, che avvantaggiano lo sviluppo di un sapere più autonomo.
  • Gli sfondi : lo sfondo riveste una sua importanza, perchè non deve interferire cromaticamente con le opere e con la leggibilità dei testi, ma al tempo stesso deve caratterizzare la lezione rendendola facilmente identificabile
  • Le animazioni : l’introduzione nelle diapositive di una vasta gamma di animazioni  può, apparentemente, rendere più stimolante la lezione, ma spesso,se impostate in modo casuale, possono creare distrazione o essere semplicemente ridondanti. Oggi,dopo molteplici verifiche operative, ritengo che sia utile limitarle e comunque devono essere scelte in diretta relazione con l’informazione che si vuole evidenziare. Ritengo che una delle migliori sia la dissolvenza , perchè rende confrontabili dati significativi (es. prima e dopo il restauro ) .
  • Schemi strutturali : con gli strumenti grafici offerti dai programmi è possibile sovrapporre,con le necessarie animazioni, elementi lineari o colorati che permettono di svelare le strutture nascoste o significative presenti nelle opere ( nuclei  compositivi , linee prospettiche, etc.) .
  • Testi : i testi  sono molto importanti per capire ciò che  si  osserva, oltre le normali didascalie con i dati relativi alle opere risultano necessari i titoli che preparano la lettura di una particolare immagine; inoltre nel generale percorso di apprendimento  risultano fondamentali le sintesi concettuali mediante frasi chiave il più possibile essenziali. Quando occorre sintetizzare grandi snodi culturali ritengo assai utili le mappe concettuali, che rendono facilitata una comprensione sintetica.

Alla fine di questa riflessione voglio esprimere il mio ringraziamento e la riconoscenza  agli studenti che hanno di loro iniziativa voluto produrre questa esperienza, che valorizza e rende condivisa la mia passione per la creatività umana.

Prof. Santino Nastasi

Liceo Ginnasio "G. Chiabrera" di Savona - Italia

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna


Questo articolo é stato letto: 7002 volte

Leggi anche:

Choose your language!
Arabic Chinese_simplified English French German Japanese Portuguese Russian Turkish
Social

Facebook Wstoriadellarte

Twitter @wstoriadellarte

Instagram @wstoriadellarte_

Youtube wsavonainarte

http://www.wstoriadellarte.eu/new/images/youtube-banner-video.png
Lezioni digitali
http://www.wstoriadellarte.eu/new/images/immagini_plugin_flash/1 rin.jpghttp://www.wstoriadellarte.eu/new/images/immagini_plugin_flash/assss.jpghttp://www.wstoriadellarte.eu/new/images/immagini_plugin_flash/goo.jpghttp://www.wstoriadellarte.eu/new/images/immagini_plugin_flash/i soll.jpghttp://www.wstoriadellarte.eu/new/images/immagini_plugin_flash/immmm.jpghttp://www.wstoriadellarte.eu/new/images/immagini_plugin_flash/or.jpg
Utenti online
 280 visitatori online

Con il patrocinio

della Delegazione di Savona

Sito del FAI di Savona

Ora siamo anche su Youtube!

 

Iscriviti al canale dedicato ai beni culturali

del territorio savonese!


Storia dell'Arte.eu è segnalato da:
 Il Blog dell'Arte