Ritorno alla storia

Il "Comandante Diavolo"

Valutazione attuale: / 6
ScarsoOttimo 
Amedeo GuilletLawrence d'Arabia...in quanti conoscono questo nome? Tutti, più o meno. Si studia a scuola, gli si dedicano film, si scrivono libri. Il leggendario guerrigliero britannico si è ricavato il suo spazio nella storia. Eppure, pochi anni dopo, anche un italiano iniziò a percorrere la stessa strada, ottenendo grandi vittorie. Il suo nome di battaglia? "Cummandar es Sciaitan", in italiano "Comandante Diavolo". Ma dietro quel 'demonio' c'è una persona vera, un militare del Regio Esercito, il tenente Amedeo Guillet.

Veterano dell'Arma di Cavalleria del Regio Esercito, il tenente Guillet...
 

Imaging 3D: ricostruito il volto di Nefertiti

Valutazione attuale: / 2
ScarsoOttimo 
Imaging 3D: ricostruito il volto di NefertitiImaging 3D: ricostruito il volto di NefertitiIl vero volto della Monna Lisa d'Egitto ricostruito in 3D grazie alla mappatura della sua (presunta) mummia e a speciali tecniche di imaging.



A volte ritornano, e nel caso di Nefertiti, la “Monna Lisa egizia” è proprio il caso di dirlo: in questa occasione a farla rivivere sono state le più moderne tecnologie di imaging 3D che, partendo dalla mappatura della sua (presunta) mummia, hanno ricostruito il volto della regina più famosa d'Egitto...
 

Il conflitto post-Guerra Fredda e la guerra al terrorismo

Il conflitto post-Guerra Fredda e la guerra al terrorismoSuccessivamente con la caduta dell'Urss, venendo eliminato il carattere ideologico della guerra fredda ed essendo stato dimostrato che la pace per due nazioni ostili tra loro era possibile senza il bisogno di conflitto bellico, ci fu un ridimensionamento degli armamenti nucleari, con la speranza di un futuro pacifico . Tuttavia restarono conflitti aperti, possibili grazie alla diffusione di armi durante la guerra fredda e mossi da motivazioni varie di tipo politico ed economico (da...
 

La Seconda Guerra Mondiale: Analisi Tecnica

La Seconda Guerra Mondiale: Analisi TecnicaLa Seconda Guerra Mondiale rinnovò nuovamente le cose attraverso la guerra di movimento, provocando di conseguenza un maggior numero di stati coinvolti nel conflitto e quindi un maggior numero di fronti e di territori in cui si svolsero le operazioni belliche. A permettere la guerra di movimento fu l'impiego di mezzi motorizzati, affiancati da armamenti ulteriormente sviluppati e collaudati nel periodo precedente il conflitto (ossia nelle varie guerre coloniali o nella guerra civile...
 

Isbuscenskij, l'ultima carica

Valutazione attuale: / 7
ScarsoOttimo 
IsbscenskijAlba del 24 agosto 1942. Nel bel mezzo di una pianura poco distante dal fiume Don, 700 soldati italiani si preparano a montare a cavallo per dirigersi verso il corso d'acqua stesso. Una pattuglia in avanscoperta si ritrova davanti ad un gruppo di soldati sovietici e torna indietro per informare il comando. Tutti sono a cavallo e non ci sono vie di scampo: bisogna andare alla carica.

La carica di Isbuscenskij venne condotta dal Reggimento "Savoia Cavalleria", dispiegato in Unione Sovietica...
 
Altri articoli...
Choose your language!
Arabic Chinese_simplified English French German Japanese Portuguese Russian Turkish
Social

Facebook Wstoriadellarte

Twitter @wstoriadellarte

Instagram @wstoriadellarte_

Youtube wsavonainarte

http://www.wstoriadellarte.eu/new/images/youtube-banner-video.png
Lezioni digitali
http://www.wstoriadellarte.eu/new/images/immagini_plugin_flash/1 rin.jpghttp://www.wstoriadellarte.eu/new/images/immagini_plugin_flash/assss.jpghttp://www.wstoriadellarte.eu/new/images/immagini_plugin_flash/goo.jpghttp://www.wstoriadellarte.eu/new/images/immagini_plugin_flash/i soll.jpghttp://www.wstoriadellarte.eu/new/images/immagini_plugin_flash/immmm.jpghttp://www.wstoriadellarte.eu/new/images/immagini_plugin_flash/or.jpg
Utenti online
 182 visitatori e 1 utente online

Con il patrocinio

della Delegazione di Savona

Sito del FAI di Savona

Ora siamo anche su Youtube!

Iscriviti al canale dedicato ai beni culturali

del territorio savonese!


Storia dell'Arte.eu è segnalato da:
 Il Blog dell'Arte