Il Re di Maggio

Valutazione attuale: / 2
ScarsoOttimo 

Umberto2Ore 15:45 del 18 Marzo 1983. In una clinica di Ginevra un'infermiera entra in una stanza e vede il suo occupante morente. Consapevole dell'impossibilità di salvarlo si inginocchia al suo fianco e gli prende la mano. Il moribondo, dopo alcuni spasmi emette un lungo sospiro, sorride e sussurra a stenti "Italia!", poi chiude gli occhi e, dopo aver espirato un'ultima lunghissima volta, lascia questo mondo dopo 79 anni. Umberto II di Savoia, ultimo Re d'Italia, è morto.

Umberto Nicola Tommaso Giovanni Maria di Savoia era nato il 15 Settembre 1904 a Racconigi. Primogenito di Re Vittorio Emanuele III e di Elena del Montenegro, ricevette una educazione eccellente. Di carattere mite, ma all'occorrenza scaltro, egli era profondamente credente e mal sopportava la figura del Duce. L'8 Gennaio 1930 si sposò con Maria Josè di Belgio, matrimonio che non si rivelerà facile. Nel 1937 nacque il figlio Vittorio Emanuele IV, destinato a causargli grandi dolori. Stratega abilissimo ed esperto comandante, partecipò alla campagna di Francia nel 1940 in veste di condottiero delle truppe del raggruppamento Nord-Ovest. Dopo l'8 Settembre 1943 si recò a Brindisi con il padre che, nel 1944, lo nominò Luogotenente Generale del Regno e gli affidò il comando delle unità italiane combattenti insieme agli Alleati. Umberto II era profondamente anti-tedesco, tanto che pare che le unità della Gestapo avessero fatto circolare notizie su un tentativo di colpo di stato da parte sua per screditarlo agli occhi del padre poco prima della deposizione di Mussolini. Dopo l'abdicazione del padre, il 9 Maggio 1946 salì al trono. In vista del referendum istituzionale, egli estese il diritto di voto alle donne. Era amatissimo dagli italiani per la sua disponibilità ad ascoltare i problemi del Paese, per la sua indole tranquilla e pacata e soprattutto per la sua abitudine di stare accanto alla gente.

Il 2 Giugno 1946 l'Italia votò. Tutt'ora non è chiaro chi abbia vinto. La storia ci insegna che la Repubblica superò di 2 milioni di voti la Monarchia, ma testimonianze dell'epoca emerse negli ultimi anni (anche di membri dell'Assemblea Costituente) parrebbero segnalare che la maggioranza fosse stata ottenuta dalla Corona. Ad ogni modo, confermando la sua linea democratica e poco propensa a causare problemi, Umberto II accettò di lasciare il Quirinale e l'Italia. L'esilio forzato a Cascais, Portogallo, sarà costellato di fatti negativi. Nel 1971 fu costretto a privare il figlio Vittorio Emanuele dei diritti dinastici a causa del suo matrimonio non in linea con le leggi di Casa Savoia. A causa di ciò, Vittorio Emanuele IV, suo figlio Emanuele Filiberto e tutti i loro discendenti persero ogni diritto al Trono d'Italia. A eredi al trono, dopo questo fatto, furono nominati i Savoia-Aosta. Gli ultimi anni li trascorse in semi-solitudine, affiancato solo da pochi amici e sostenitori. Ancora oggi, a 34 anni dalla sua morte, resta il sovrano più amato dagli italiani. Il Re di Maggio, morto in esilio quando stava per realizzarsi il suo ultimo desiderio: rivedere la sua amata Italia.

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna


Questo articolo é stato letto: 25 volte

Leggi anche:

Choose your language!
Arabic Chinese_simplified English French German Japanese Portuguese Russian Turkish
Social

Facebook Wstoriadellarte

Twitter @wstoriadellarte

Instagram @wstoriadellarte_

Youtube wsavonainarte

http://www.wstoriadellarte.eu/new/images/youtube-banner-video.png
Lezioni digitali
http://www.wstoriadellarte.eu/new/images/immagini_plugin_flash/1 rin.jpghttp://www.wstoriadellarte.eu/new/images/immagini_plugin_flash/assss.jpghttp://www.wstoriadellarte.eu/new/images/immagini_plugin_flash/goo.jpghttp://www.wstoriadellarte.eu/new/images/immagini_plugin_flash/i soll.jpghttp://www.wstoriadellarte.eu/new/images/immagini_plugin_flash/immmm.jpghttp://www.wstoriadellarte.eu/new/images/immagini_plugin_flash/or.jpg
Utenti online
 223 visitatori e 1 utente online

Con il patrocinio

della Delegazione di Savona

Sito del FAI di Savona

Ora siamo anche su Youtube!

Iscriviti al canale dedicato ai beni culturali

del territorio savonese!


Storia dell'Arte.eu è segnalato da:
 Estro Barocco.com  Il Blog dell'Arte