Sotto un cielo di stelle (artificiali)

Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 

Che cos'è un Planetario? Quanti ce ne sono in Italia?

Questo fine settimana si terrà l’annuale meeting dei Planetari italiani. La sede del convegno è quella di Infini.to, Planetario di Torino e Museo dell'Astronomia e dello spazio, a Pino Torinese. È l’occasione più importante, a livello nazionale, per confrontarsi sui “teatri del cielo” presenti nel nostro Paese.

I Planetari infatti sono luoghi particolari, dove si mescolano scienza e intrattenimento, grazie a un sistema di proiezione (che si chiama appunto “planetario”) in grado di riprodurre in modo estremamente realistico il cielo stellato. Nei Planetari si fa didattica e divulgazione dell’astronomia, ma soprattutto - ed è proprio questo a renderli così speciali e amati dal pubblico - si prova la sensazione quasi magica di ritrovarsi letteralmente immersi nel cosmo, sotto uno schermo a cupola.

QUANTI PLANETARI! In Italia ci sono oltre 100 Planetari, che ogni anno ospitano complessivamente 300-400.000 visitatori; molti di essi però sono di piccole dimensioni e non sempre aperti al pubblico, perché inseriti (per esempio) in strutture scolastiche.

Esiste anche una organizzazione che rappresenta i Planetari a livello internazionale: è PlanIt, l'Associazione dei Planetari Italiani che fa parte dell’International Planetarium Society, l’organismo di coordinamento mondiale di queste strutture.

Per quanto riguarda i Planetari italiani, una mappa della distribuzione di quelli principali si può trovare sul sito di PlanIt. Tra le curiosità del meeting di PlanIt di quest’anno: il tema dell’astronomia nella Divina Commedia di Dante e la presentazione, da parte di Clelia Arnaldi di Balme (conservatore di Palazzo Madama, Museo Civico d’Arte Antica, a Torino), del Planetario realizzato a metà del Settecento e attribuito a Pietro Piffetti , primo ebanista di re Carlo Emanuele III di Savoia.

Questo strumento meccanico, che mostra i movimenti dei pianeti fino a Saturno (Urano e Nettuno a quel tempo non erano stati ancora scoperti), era utilizzato per la didattica dell’astronomia, ed è stato recentemente restaurato dal Centro Conservazione e Restauro “La Venaria Reale”, in collaborazione con Infini.to e con l’Osservatorio Astrofisico di Torino. Dal 21 marzo lo si può ammirare a Palazzo Madama, a Torino.

IL CIELO DIGITALE. Nel XXI secolo, ovviamente, i Planetari sono molto diversi da quello di Piffetti. In particolare, a Infini.to si trova un moderno sistema digitale in grado di far viaggiare gli spettacoli in tre dimensioni in tutto l'Universo. E il Museo astronomico che lo accoglie è unico in Italia, con la sua architettura avveniristica che riproduce un sistema stellare binario, i suoi exhibit interattivi, i workshop e i laboratori per tutte le età, e le esposizioni di modelli di sonde spaziali e pianeti. Meeting dei Planetari a parte, Infini.to è un luogo da non perdere per chi subisce il fascino di stelle e galassie.

 

Fonti:https://www.focus.it/scienza/spazio/meeting-planetari-italiani

 

Questo articolo é stato letto: 397 volte

Leggi anche:

Choose your language!
Arabic Chinese_simplified English French German Japanese Portuguese Russian Turkish
Social

Facebook Wstoriadellarte

Twitter @wstoriadellarte

Instagram @wstoriadellarte_

Youtube wsavonainarte

http://www.wstoriadellarte.eu/new/images/youtube-banner-video.png
Lezioni digitali
http://www.wstoriadellarte.eu/new/images/immagini_plugin_flash/1 rin.jpghttp://www.wstoriadellarte.eu/new/images/immagini_plugin_flash/assss.jpghttp://www.wstoriadellarte.eu/new/images/immagini_plugin_flash/goo.jpghttp://www.wstoriadellarte.eu/new/images/immagini_plugin_flash/i soll.jpghttp://www.wstoriadellarte.eu/new/images/immagini_plugin_flash/immmm.jpghttp://www.wstoriadellarte.eu/new/images/immagini_plugin_flash/or.jpg
Utenti online
 253 visitatori online

Con il patrocinio

della Delegazione di Savona

Sito del FAI di Savona

Ora siamo anche su Youtube!

 

Iscriviti al canale dedicato ai beni culturali

del territorio savonese!


Storia dell'Arte.eu è segnalato da:
 Il Blog dell'Arte