Felipe VI, il monarca del nuovo millennio

Valutazione attuale: / 12
ScarsoOttimo 

Re FelipeGiugno 2014. In Spagna la crisi economica è fortissima. Il malcontento della popolazione si riversa sul governo e, soprattutto, sull'assai poco "regale" sovrano, Juan Carlos. Ma qualcosa sta per cambiare. Il 2 giugno l'anziano monarca annuncia di voler abdicare in favore di suo figlio Felipe. La decisione è resa ufficiale il 18 luglio. Il giorno seguente, di fronte al parlamento, il principe pronuncia la formula di giuramento. È iniziata una nuova fase della storia spagnola, il regno di Felipe VI.

Incredibilmente il nuovo sovrano, già molto conosciuto ed apprezzato dagli spagnoli e dalla comunità internazionale, non perde tempo: il gradimento per la monarchia è inferiore al 35%, la crisi morde ed accende le ire della popolazione, la credibilità statale è bassa. Felipe, in maniera molto attenta, riesce, silenziosamente, a risollevare le sorti di quello che era il secondo Paese dell'UE più in crisi, risollevandosi fino al sesto posto di questa classifica. Contemporaneamente taglia il suo stipendio annuo del 20%, obbligando parlamentari e ministri a fare lo stesso. Allaccia stretti rapporti con diverse nazioni europee, presenzia a cerimonie, si fa vedere spesso nelle strade di Madrid (porta una volta a settimana le figlie in una pasticceria della città), guida personalmente la sua Mercedes, con cui accompagna ogni giorno le bambine a scuola, assiste a numerose finali di tornei calcistici spagnoli ed internazionali (in questo secondo caso al seguito della sua squadra del cuore, l'Atletico Madrid). Questo, unito alla lenta e graduale ripresa economica, gli consente di festeggiar, nel 2017, il raggiungimento del picco massimo di gradimento della monarchia dagli anni '80: oltre il 75% della popolazione si dichiara a favore del suo mantenimento, mentre più del 85% degli spagnoli lo gradiscono come Capo di Stato in generale (questi dati, per quanto possa apparire strano, comprendono anche la zona "indipendentista" della Catalogna).

Insomma, Felipe VI incarna la figura del monarca del terzo millennio, il "Re 2.0", in grado di essere vicino al suo popolo il più possibile, di avere la cultura e le abilità necessarie per districarsi nel labirinto dell'economia e degli organismi nazionali e non nel modo più proficuo possibile, di saper rappresentare la Nazione e, soprattutto, di poter costituire un punto fermo di forte coesione e riferimento per i cittadini in momenti di difficoltà.

 

Questo articolo é stato letto: 405 volte

Leggi anche:

Choose your language!
Arabic Chinese_simplified English French German Japanese Portuguese Russian Turkish
Social

Facebook Wstoriadellarte

Twitter @wstoriadellarte

Instagram @wstoriadellarte_

Youtube wsavonainarte

http://www.wstoriadellarte.eu/new/images/youtube-banner-video.png
Lezioni digitali
http://www.wstoriadellarte.eu/new/images/immagini_plugin_flash/1 rin.jpghttp://www.wstoriadellarte.eu/new/images/immagini_plugin_flash/assss.jpghttp://www.wstoriadellarte.eu/new/images/immagini_plugin_flash/goo.jpghttp://www.wstoriadellarte.eu/new/images/immagini_plugin_flash/i soll.jpghttp://www.wstoriadellarte.eu/new/images/immagini_plugin_flash/immmm.jpghttp://www.wstoriadellarte.eu/new/images/immagini_plugin_flash/or.jpg
Utenti online
 184 visitatori online

Con il patrocinio

della Delegazione di Savona

Sito del FAI di Savona

Ora siamo anche su Youtube!

 

Iscriviti al canale dedicato ai beni culturali

del territorio savonese!


Storia dell'Arte.eu è segnalato da:
 Il Blog dell'Arte